venerdì, dicembre 31, 2004

La Francia e i falsi amici (con un occhio all'Italia)

Bell'articolo sul sito del Center for Security Policy. Si analizza la politica anti-americana (e non anti-Bush) della Francia di Jacques Chirac, soprattutto alla luce della battaglia di Parigi per la ripresa della vendita di armi alla Cina comunista. Dal momento che anche l'Italia di Berlusconi - sulle armi alla Cina - pare sulla stessa linea chiracchiana, consigliamo la lettura dell'articolo anche ai consigliori di Palazzo Chigi e della Farnesina [Link].

Catastrofe nel Sud-Est asiatico

Grande lavoro di commento sul blog gemello Le guerre civili [Link]. Ci voleva un articolo di Christian Rocca sul Foglio per riportare la polemica anti-americana sugli aiuti umanitari alle vere proporzioni: quelle delle cifre [Link].

giovedì, dicembre 30, 2004

Oil for flood

Berlusconi e Blair hanno lanciato l'idea di azzerare o scadenzare diversamente il debito dei paesi colpiti dallo tsunami. Bush raccoglie attorno agli Stati Uniti una coalizione di generosi (con Australia, India e Giappone) per inviare aiuti in mezzi e denaro agli Stati del Sud-Est asiatico. In Germania le donazioni di imprese e privati cittadini stanno superando ogni record passato. Tutti si danno un gran da fare. L'Onu invece s'incazza e vuole gestire in prima persona tutti gli aiuti. Oil for flood? Pare che Kojo sia in bolletta e abbia fiutato la nuova pista. Papà Kofi gli darà una mano anche stavolta?

Ucraina - Il cuore arancione d'Europa

Il candidato filo-occidentale Victor Yushenko vince il ballottaggio con uno scarto di due milioni di voti [Kyiv Post]. L'Ucraina guarda ad Ovest, confermando il "people power" come forza propulsiva delle rivoluzioni liberali nell'Europa centro-orientale [Bbc]. Emerge con forza la figura di Yulia Tymoshenko, la "dolce lady di ferro" che ha affiancato il neo-presidente nelle difficili settimane di lotta [Bbc]. Bisogna riconoscere che il miglior speciale sulle elezioni ucraine sia stato quello del quotidiano laburista inglese Guardian [The Guardian]. Il quale ha anche ospitato il miglior reportage da Kiev: quello dello storico britannico Timothy Garton Ash, tornato per l'occasione sulle strade est-europee a raccontare un'altra pagina gloriosa della storia del presente [Link].

Fede, politica e Casa Bianca

Un suggerimento per il blog The Right Nation:

"MICHAEL GERSON deserves extra pay, or something, for agreeing to spend half a day earlier this month discussing with journalists a subject of some controversy--"Religion, Rhetoric, and the Presidency." If anyone was qualified for such a task, it was Gerson. He is President Bush's chief speechwriter, knows the president's mind better than anyone else in the White House (save perhaps Karl Rove) and--no small thing--shares the president's faith." [Link]

Tsunami, democrazia e informazione

Fosse accaduto in California o in Giappone, non staremmo a contare i morti a decine di migliaia. Perché fenomeni come i terremoti o i maremoti non si possono prevedere. Ma le loro conseguenze possono essere limitate. Nel Pacifico, attorno alla zona sismica delle Hawaii, è stato approntato un sistema di controllo e sicurezza che permette segnalazioni in tempo reale in grado di allertare le coste interessate e di avviare l' evaquazione delle popolazioni. Informazione ed esercitazioni sono la regola in paesi dove la democrazia e la libertà spingono i cittadini ad essere esigenti con le proprie autorità. E' anche un problema politico. E' quanto sostiene Emanuele Latini sul sito scientifico Meteolive [Link].

La catastrofe nel Sud-Est asiatico

Le parole si spengono sepolte dal numero delle vittime che sale vertiginosamente, di ora in ora. Dopo le prime, timide notizie, la realtà sconvolgente del più grande disastro naturale dell'era moderna appare in tutta la sua incommensurabilità. Walking Class si limita a riportare i siti più aggiornati, attraverso i quali è possibile raccogliere notizie in tempo reale.

ITALIA
Repubblica
Corriere della Sera
Farnesina
Viaggiare Sicuri

STATI UNITI
CNN
Fox News
Tech Central Station

AUSTRALIA
Lonely Planet
The Australian
The Sydney Morning Herald
The Age

GRAN BRETAGNA
Bbc
The Times
Sky News

GERMANIA
N-Tv
Süddeutsche Zeitung
Bild

FRANCIA
Le Figaro
Le Monde
Courrier International


mercoledì, dicembre 22, 2004

Bielorussia - Quella certa incertezza

President Lukashenka stays unexpectedly quiet about events in Ukraine, while the most radical of his opponents sets a date for Belarus’ own revolution: 25 March 2006 [Tol].

Ucraina - Verso il nuovo voto

Reportage di Transition On Line (Tol) da Kiev sugli ultimi giorni di campagna elettorale per la ripetizione del secondo turno di ballottaggio. Si vota il 26 dicembre [Tol].

martedì, dicembre 21, 2004

Iraq 2004, Germania 1945

Nessun dopoguerra è stato tranquillo e privo di problemi. Neppure quello della seconda guerra mondiale. Una serie di reportage dalla Germania del New York Times, datati fine 1945, testimoniano come anche nel devastato cuore nazista d'Europa la ricostruzione e l'esportazione della democrazia incontrassero l'opposizione di una parte della popolazione. E, nonostante tutto, il processo andò avanti e la Germania (assieme al resto dell'Europa occidentale) potè risorgere lasciandosi alle spalle l'incubo dei totalitarismi. La propaganda anti-americana, oggi, evidenzia come una vittoria ogni bomba che esplode in Iraq, ogni difficoltà degli alleati e del nuovo governo di Baghdad. Chissà perché, quello che accadde in Germania sessant'anni fa non dovrebbe accadere oggi in Iraq. Chissà perché non vanno a studiarsi qualche buon libro di storia. O non si fanno un giro sul sito di Rush Limbaugh.

lunedì, dicembre 20, 2004

TIME: Person of the Year 2004

GEORGE W. BUSH

Eagles rather than doves nestle in the Oval Office Christmas tree, pinecones the size of footballs are piled around the fireplace, and the President of the United States is pretty close to lounging in Armchair One. He's wearing a blue pinstripe suit, and his shoes are shined bright enough to shave in. He is loose, lively, framing a point with his hands or extending his arm with his fingers up as though he's throwing a big idea gently across the room.
"I've had a lot going on, so I haven't been in a very reflective mood," says the man who has just replaced half his Cabinet, dispatched 12,000 more troops into battle, arm wrestled lawmakers over an intelligence bill, held his third economic summit and begun to lay the second-term paving stones on which he will walk off into history. Asked about his re-election, he replies, "I think over the Christmas holidays it'll all sink in."
As he says this, George W. Bush is about to set a political record. The first TIME poll since the election has his approval rating at 49%. Gallup has it at 53%, which doesn't sound bad unless you consider that it's the lowest December rating for a re-elected President in Gallup's history. That is not a great concern, however, since he has run his last race, and it is not a surprise to a President who tends to measure his progress by the enemies he makes. "Sometimes you're defined by your critics," he says. "My presidency is one that has drawn some fire, whether it be at home or around the world. Unfortunately, if you're doing big things, most of the time you're never going to be around to see them [to fruition], whether it be cultural change or spreading democracy in parts of the world where people just don't believe it can happen. I understand that. I don't expect many short-term historians to write nice things about me."
Yet even halfway through his presidency, Bush says, he already sees his historic gamble paying off. He watched in satisfaction the inauguration of Afghan President Hamid Karzai. "I'm not suggesting you're looking at the final chapter in Afghanistan, but the elections were amazing. And if you go back and look at the prognosis about Afghanistan—whether it be the decision [for the U.S. to invade] in the first place, the 'quagmire,' whether or not the people can even vote—it's a remarkable experience." Bush views his decision to press for the transformation of Afghanistan and then Iraq—as opposed to "managing calm in the hopes that there won't be another September 11th, that the Salafist [radical Islamist] movement will somehow wither on the vine, that somehow these killers won't get a weapon of mass destruction"—as the heart of not just his foreign policy but his victory. "The election was about the use of American influence," he says. "I can remember people trying to shift the debate. I wanted the debate to be on a lot of issues, but I also wanted everybody to clearly understand exactly what my thinking was. The debates and all the noise and all the rhetoric were aimed at making very clear the stakes in this election when it comes to foreign policy."
In that respect and throughout the 2004 campaign, Bush was guided by his own definition of a winning formula. "People think during elections, 'What's in it for me?'" says communications director Dan Bartlett, and expanding democracy in Iraq, a place voters were watching smolder on the nightly news, was not high on their list. Yet "every time we'd have a speech and attempt to scale back the liberty section, he would get mad at us," Bartlett says. Sometimes the President would simply take his black Sharpie and write the word freedom between two paragraphs to prompt himself to go into his extended argument for America's efforts to plant the seeds of liberty in Iraq and the rest of the Middle East.
An ordinary politician tells swing voters what they want to hear; Bush invited them to vote for him because he refused to. Ordinary politicians need to be liked; Bush finds the hostility of his critics reassuring. Challengers run as outsiders, promising change; it's an extraordinary politician who tries this while holding the title Leader of the Free World. Ordinary Presidents have made mistakes and then sought to redeem themselves by admitting them; when Bush was told by some fellow Republicans that his fate depended on confessing his errors, he blew them off.
For candidates, getting elected is the test that counts. Ronald Reagan did it by keeping things vague: It's Morning in America. Bill Clinton did it by keeping things small, running in peaceful times on school uniforms and V chips. Bush ran big and bold and specific all at the same time, rivaling Reagan in breadth of vision and Clinton in tactical ingenuity. He surpassed both men in winning bigger majorities in Congress and the statehouses. And he did it all while conducting an increasingly unpopular war, with an economy on tiptoes and a public conflicted about many issues but most of all about him.
The argument over whether his skill won the race and fueled a realignment of American politics or whether he was the lucky winner of a coin-toss election will last just as long as the debates among historians over whether Dwight Eisenhower had a "hidden-hand strategy" in dealing with political problems, Richard Nixon was at all redeemable and Reagan was an "amiable dunce." Democrats may conclude that they don't need to learn a thing, since 70,000 Ohioans changing their minds would have flipped the outcome and flooded the airwaves with commentary about the flamboyantly failed Bush presidency. It may be that a peculiar chemistry of skills and instincts and circumstances gave Bush his victory in a way no future candidates can copy. But that doesn't mean they won't try.
In the meantime, the lessons Bush draws from his victory are the ones that matter most. The man who in 2000 promised to unite and not divide now sounds as though he is prepared to leave as his second-term legacy the Death of Compromise. "I've got the will of the people at my back," he said at the moment of victory. From here on out, bipartisanship means falling in line: "I'll reach out to everyone who shares our goals." Whatever spirit of cooperation that survives in his second term may have to be found among his opponents; he has made it clear he's not about to change his mind as he takes on Social Security and the tax code in pursuit of his "ownership society." So unfolds the strange and surprising and high-stakes decade of Bush.
For sharpening the debate until the choices bled, for reframing reality to match his design, for gambling his fortunes—and ours—on his faith in the power of leadership, George W. Bush is TIME's 2004 Person of the Year.

Russia declassata a "paese non libero"

Freedom House, a US-based organization that tracks the progress of political rights and civil liberties across the world, said Dec. 20 that Russia had fallen to the status of "not free" - far behind the democratic nations Moscow sees as its peers [Kyiv Post].

Qui potete leggere l'intero rapporto della Freedom House sulla Russia [Link]. E qui un'analisi sulla ripetizione del voto presidenziale in Ucraina [Link].

venerdì, dicembre 17, 2004

La Slovenia nasconde le minoranze

Mentre tutta l'attenzione europea è concentrata sulla Turchia, scoppia il caso della Slovenia, nazione che è già entrata nell'Unione con l'allargamento del 2004. A riportare la denuncia, che ci riguarda da vicino in quanto italiani, è la rivista Transition Online, specializzata nell'analisi dell'Europa centrale che i lettori di Walking Class già conoscono. Secondo l'autorevole periodico, il governo sloveno avrebbe soppresso un rapporto che aveva esso stesso commissionato, perché dimostrava l'esistenza di gruppi di minoranze all'interno dello Stato cui non erano stati concessi adeguati diritti. La rivista parla esplicitamente di minoranze balcaniche (serbi, albanesi, bosniaci, croati, montenegrini). Sarebbe interessante magari allertare la Farnesina (Fini dovrebbe essere sensibile all'argomento, no?) per sapere se la discriminazione riguarda anche la minoranza italiana. E sarebbe utile chiedere alla Slovenia come intende muoversi per rispettare uno dei criteri fondamentali dell'Unione Europea [Link].

Turchia, disco verde da Bruxelles

The EU has offered to begin membership talks with Turkey next year, with 3 October given as a start date [BBC].

Les dirigeants de l'Union européenne sont tombés d'accord hier soir au sommet de Bruxelles pour ouvrir des négociations d'adhésion avec la Turquie le 3 octobre 2005, ont annoncé plusieurs chefs de gouvernement à l'issue d'un dîner de travail des Vingt-Cinq. «Nous pouvons démarrer les négociations avec la Turquie», a déclaré le premier ministre néerlandais, Jan Peter Balkenende, président en exercice de l'Union européenne, en soulignant qu'«il n'y a pas de garantie» pour le résultat des négociations. «Ce soir, l'UE a ouvert ses portes à la Turquie», a déclaré pour sa part le président de la Commission européenne, José Manuel Barroso. Les dirigeants européens se sont également mis d'accord pour que, d'ici au début des négociations, la Turquie s'engage à reconnaître juridiquement la République de Chypre, en signant le protocole additionnel à l'accord d'Ankara [Le Figaro].

Die EU-Staats- und Regierungschefs hatten sich am späten Donnerstag abend für die Aufnahme von Beitrittsverhandlungen mit der Türkei am 3. Oktober 2005 ausgesprochen [Frankfurter Allgemeine Zeitung].

L'Union proposera à la Turquie l'ouverture de négociations d'adhésion à compter du 3 octobre 2005. Ankara aura jusqu'à cette date pour reconnaître la République de Chypre [Le Soir].

Avrupa Birliği liderleri Türkiye'ye müzakere tarihi verdi ama başlamak için bu tarihe kadar Kıbrıs'ın fiilen tanınmasını şart koştu. Çetin pazarlık bugün de sürecek [Milliyet].

L'Unione europea e la Turchia hanno raggiunto un accordo sull'avvio dei negoziati di adesione della Turchia il 3 ottobre 2005. Lo indicano fonti europee a Bruxelles. In base al testo di compromesso, Ankara si impegna, con una dichiarazione orale, a estendere anche a Cipro il Protocollo dell'accordo doganale e commerciale che riconosce, implicitamente, la Repubblica di Cipro [Ansa].

"Le Président français?" "Pas encore!"

Divertente reportage de Le Figaro sulla visita di Nicolas Sarkozy in Israele, con annesso racconto della sua passeggiata nel suk arabo di Gerusalemme [Link].

giovedì, dicembre 16, 2004

South Park

Se vi siete persi il numero cartaceo di Ideazione dello scorso settembre, non perdetevi il suo recupero on line. South Park, un manuale politico. Di Andrea Mancia.

mercoledì, dicembre 15, 2004

Ucraina - L'analisi di Richard Pipes

Sempre sulla National Review, un lungo articolo di Richard Pipes sulle conseguenze della rivoluzione arancione di Kiev. La rivista on line riporta il saggio in versione integrale [Link].

Froci

Why did so many gays vote Bush? Se lo chiede (e fornisce una risposta) la National Review Online.

Turchia nell'UE: il sì di Strasburgo

Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione con la quale invita il Consiglio "ad aprire senza indebiti ritardi" i negoziati per l'adesione della Turchia all'Unione europea. La risoluzione è stata approvata con 407 voti favorevoli, 262 contrari e 29 astenuti.

Atene: sequestro bus in corso

Un autobus con almeno 25 persone a bordo è stato sequestrato da due dirottatori (non si sa ancora se russi o albanesi) armati fino ai denti a Maratona, un sobborgo a quindici chilometri dal centro di Atene. Il conducente dell'autobus è riuscito a fuggire, l'automezzo è stato circondato dalla polizia e dai corpi d'assalto greci. I dirottatori hanno richiesto un nuovo autista per poter proseguire il viaggio verso l'aeroporto di Atene e minacciano di far saltare l'autobus con l'esplosivo. Nel corso della giornata hanno rilasciato numerosi ostaggi. Nessuna indicazione sui motivi del gesto. Diretta news da Repubblica e SkyNews.

martedì, dicembre 14, 2004

Nefertiti a Berlino

Entravi con aria curiosa nel Museo Egizio, quando era allestito nei locali moderni di un bel palazzotto di Dahlem, il quartiere residenziale di Berlino Ovest, pieno di verde, di università, di kneipe studentesche e di musei. Ambienti foderati di feltro nero aumentavano l'atmosfera di mistero. Una stanza dietro l'altra, di corsa, con l'ansia di arrivare lì, davanti alla testa d'oro di Nefertiti. Il blog gemello "Le guerre civili" apre una battaglia sulle politiche culturali dell'Unesco e il politically correct applicato ai monumenti. In Italia. Perché altrove sono più furbi: parlano bene e razzolano male.

lunedì, dicembre 13, 2004

Conflitto d'interessi

Il mio. Passerò il Natale a Brindisi ad ascoltare il concerto di Goran Bregovic in Piazza Mercato. Un tocco di musica balcanica nella cità più orientale d'Italia. Ecco il cartellone degli eventi [Link].

Romania - Definitivo: Sorpresa Basescu

L'incredibile è avvenuto. Traian Basescu, sindaco di Bucarest e leader della coalizione Giustizia e Verità, ha vinto il turno di ballottaggio. L'ex premier, il post-comunista Adrian Nastase, ha riconosciuto la sconfitta, dichiarando di voler collaborare con i nuovi vincitori. Il centrodestra, solo un anno fa ridotto a brandelli, conquista dunque la presidenza della Repubblica e darà vita a un nuovo governo. L'era di Iliescu si chiude con un risultato clamoroso che apre le porte a un rinnovamento radicale della vita politica rumena. Il vento di Kiev ha raggiunto Bucarest, l'ansia di rinnovamento delle città ha travolto il compassato post-comunismo delle campagne. Ora tocca al centrodestra non fallire quest'altra occasione, dopo i disastri del periodo di Costantinescu.

Notizie sulle votazioni da Ansa-Balcani, Nine o' Clock, BBC, Southeast European Times.

Più che una coabitazione (presidenza della Repubblica a destra e governo a sinistra) si profila dunque un completo rinnovamento dello scenario politico rumeno, giacché la legislazione assegna al presidente il diritto di nominare il capo del governo, che a sua volta nomina i ministri. Dunque, la vittoria dei socialdemocratici e dei loro alleati umanisti (Pur) alle elezioni legislative di due settimane fa non assicura loro i futuri quattro anni alla guida del governo, e neanche una maggioranza nelle due camere del Parlamento. Secondo quanto aveva annunciato Basescu durante la campagna elettorale, il prossimo premier dovrebbe essere Calin Popescu Tariceanu, presidente del Partito liberale, e Giustizia e Verità potrebbe cercare di governare da sola, con un gabinetto di minoranza. Un'altra possibilità è quella di un governo composto da rappresentanti dell'alleanza di centrodestra e del Partito degli ungheresi di Romania (Udmr) che hanno ottenuto più del 7% dei voti nelle legislative.

Romania - Scrutinio: opposizione in vantaggio

Una fonte della Commissione elettorale ha comunicato che, con il 92 per cento delle schede scrutinate, il leader dell'opposizione di centrodestra Traian Basescu è in vantaggio sul candidato governativo Adrian Nastase: 51,8 a 48,2 per cento. Un risultato che, se confermato, sarebbe straordinario. Basescu ha già dichiarato la vittoria, i suoi festeggiano per le strade di Bucarest [Repubblica].

Romania - Exit poll: too close to call

Exit polls in Romania's presidential election have put Adrian Nastase and Traian Basescu neck-and-neck [BBC].

domenica, dicembre 12, 2004

Il KGB dietro la diossina?

Secondo indiscrezioni raccolte a New York dall'americana ABC, dietro l'avvelenamento di Victor Yushenko potrebbero esserci settori nascosti del vecchio KGB [Link].

Eastern Ghosts - Kiev, Bucarest, Minsk

UCRAINA
Fantasmi di totalitarismo orientali, fantasmi di un post-comunismo che, nelle vicinanze di Mosca, si tinge ancora di sovietismo. Dopo le reiterate accuse dei medici austriaci che hanno in cura il leader dell'opposizione ucraina Victor Yushenko, a Kiev si riaprono i dossier investigativi per scoprire chi ha deciso di avvelenare con la diossina l'uomo che promette di chiudere un'epoca. Ma c'è voluta la robusta rivolta popolare contro i brogli elettorali per aprire una nuova stagione in Ucraina [da BBC].

ROMANIA
Più che di fantasmi, nella terra dei transilvani (che poi un tempo erano ungheresi, ma lasciamo perdere che la questione è delicata e provoca suscettibilità) è più opportuno parlare di Dracula. E di Ioan Iliescu, il padre della nuova repubblica, che esce dalla scena politica dopo aver traghettato il suo paese nel decennio post-comunista. Ma poco si parla del suo ruolo ambiguo nel putsch che a Natale del 1989 tolse di mezzo il vecchio satrapo Nicolae Ceausescu. Il delfino di Iliescu, Adrian Nastase, s'avvia a vincere il secondo turno di ballottaggio, inseguito dalle accuse di brogli elettorali del suo contendente Trian Basescu, sindaco di Bucarest e colorito leader del centrodestra [l'ultimo dibattito televisivo nel resoconto di Nine o' Clock, le notizie del giorno sull'andamento del voto da BBC]. Più che i brogli, in Romania, può il forte controllo che il partito al governo esercita su tutti i livelli della burocrazia. Sprazzi di occidente si aprono qua e là: Bruxelles ha aiutato Nastase annunciando prima del voto di oggi l'ok all'ingresso del paese (e della Bulgaria) nell'Unione Europea il 1° gennaio 2007 [Link]. Intanto, l'Italia che sorvola agevolmente sui diritti civili in Cina, ha già abbracciato Nastase. Questo articolo dell'"istituzionale" Ansa, dalle parti mie, si chiama marchetta [Link].

BIELORUSSIA
Oggi l'Ucraina, domani la Bielorussia. Questo era uno degli slogan lanciati nei giorni della protesta per le strade di Kiev. Sarebbe un bell'auspicio. Chissà se negli accordi Usa-Urss... pardon Usa-Russia dei giorni scorsi vi fosse qualche protocollo segreto sulla Bielorussia. Intanto in Ucraina si spera. E qualcuno spera anche a Minsk [Link].

Yushenko - Speciale diossina

Speciale della BBC sul caso dell'avvelenamento del leader dell'opposizione ucraina Victor Yushenko: la teoria dell'avvelenamento [Link] e cosa è la diossina [Link].

sabato, dicembre 11, 2004

Ucraina - Le parole di Yulia Timoshenko

Lunga intervista al magazine Korrespondent nella quale l'eroina della rivoluzione arancione racconta sentimenti, lacrime e passione dei dieci giorni che sconvolsero Kiev [da Kyiv Post].

Il buco nero dell'Africa

Provocatorio articolo su Emporion del filosofo Vittorio Mathieu sui problemi del continente africano scaturiti da una fallimentare decolonizzazione [Link]. La soluzione, secondo il filosofo, potrebbe essere quella di un nuovo colonialismo. Ma è politicamente corretto dirlo? Sempre dall’archivio di Emporion, un numero speciale dedicato alla crisi del Continente Nero [Link], con un forum tra Sergio Romano ed Emma Bonino (datato 1998) che ruota attorno alla tesi sostenuta da Mathieu [Link].

venerdì, dicembre 10, 2004

Vagabondo ero, vagabondo resto

“Quando ero giovane e avevo in corpo la voglia di essere da qualche parte, la gente matura m’assicurava che la maturità avrebbe guarito questa rogna. Quando gli anni mi dissero maturo, fu l’età di mezzo la cura prescritta. Alla mezza età mi garantirono che un’età più avanzata avrebbe calmato la mia febbre. E ora che ne ho cinquantotto sarà forse la vecchiaia a giovarmi. Nulla ha funzionato. Quattro rauchi fischi della sirena di una nave continuano a farmi rizzare il pelo sul collo, e mettermi i piedi in movimento. Il motore di un aereo a reazione, un motore che si scalda, persino uno sbatter di zoccoli sul selciato suscitano l’antico brivido, la bocca secca, le mani roventi, lo stomaco in agitazione sotto la gabbia delle costole. In altre parole non miglioro. Vagabondo ero, vagabondo resto. Temo che la malattia sia incurabile”.
John Steinbeck, Viaggio con Charley, 1962

giovedì, dicembre 09, 2004

Nato-Russia - The Cold Peace

Former Cold War foes Nato and Russia have issued a joint statement calling for free and fair elections in Ukraine [BBC].

Dopo schermaglie non solo verbali, Nato e Russia - sotto la sapiente regia americana - hanno convenuto che fosse più utile raggiungere un compromesso sulla crisi ucraina. Ovviamente, i veri termini di questo accordo son quelli che non si verranno a sapere. D'altronde, Yalta è una ridente cittadina balneare ucraina [geografia e storia]. E tuttavia, le frizioni di queste settimane aprono un'ombra sui rapporti tra Occidente e Russia di Putin. Janusz Bugajski, esperto di Russia ed Europa centro-orientale, parla di Cold Peace in un suo recente libro. E l'ultimo numero dell'Economist analizza il futuro dei rapporti Est-Ovest dopo Kiev [Link].

mercoledì, dicembre 08, 2004

Austria - Conferme: Yushenko avvelenato

Nuove conferme giungono da Vienna, dove - secondo il quotidiano inglese The Times - i medici che hanno avuto in cura Yushenko sono oggi disposti a sbilanciarsi sulle origini del deturpamento del suo volto. Nikolai Korpan, specialista della clinica viennese Rudolfinehaus, non ha più dubbi: "Non è più una questione in discussione - dice il sanitario al Times - ormai siamo certi di poter dimostrare quale sia stata la sostanza che provocò al paziente la sua malattia. Gli fu somministrata da altre persone, che perseguivano un obiettivo preciso". L'omicidio?: "Sì, naturalmente" [The Times].

Walking Class ve ne aveva parlato dieci giorni fa [Walking Class].

Ucraina - Yulia Timoshenko

Quarantaquattro anni, ricchissima imprenditrice del settore energetico, Yulia Timoshenko è la stella della coalizione d'opposizione, la lady di ferro - affascinante e durissima - che sostiene Victor Yushenko nella sua scalata ai vertici della Repubblica ucraina. E' stata lei, nei giorni caldi delle manifestazioni di Kiev, a convincere i poliziotti in assetto di guerriglia a non attaccare i giovani in corteo e a simpatizzare con loro. Sola, è andata incontro al muro dei poliziotti, infilando fiori nei loro scudi ed esortandoli a "scendere in campo dalla parte del popolo" [foto]. La Timoshenko è il vero volto nuovo della rivoluzione arancione, anche se il suo passato, breve e intenso, passa attraverso le zone oscure dell'élite imprenditoriale est-europea. Ha già svolto ruoli politici di primo piano: è stata vice-premier nel primo governo di Viktor Yushenko (1999-2000). Per conoscerla meglio, la biografia non autorizzata di James Meek sul Guardian. Il riassunto in italiano di un articolo scritto dalla stessa Timoshenko per il quotidiano francese Le Figaro [da Internazionale]. Un articolo del giornale moscovita Kommersant. Moderno e funzionale, infine, il suo sito internet ufficiale (versione in inglese).

Ucraina - C'è l'accordo per riforma elettorale

Ukraine's parliament has adopted a package of electoral and constitutional changes and agreed to reshuffle the Central Election Commission in a compromise intended to defuse the nation's festering political crisis [CNN].

Romania - Uno scenario ucraino?

E' sceso il silenzio dei media europei sulle accuse di brogli che l'opposizione di centrodestra rumena ha mosso al premier uscente Adrian Nastase per il primo turno delle elezioni. Il ballottaggio è previsto per il 12 dicembre. E la polemica, a Bucarest, è fortissima. L'ultra-nazionalista Corneliu Vadim Tudor, comunque escluso dal ballottaggio, ha chiesto il boicottaggio del voto, mentre il leader della destra moderata Traian Basescu ne chiede l'annullamento. Il governo oppone un muro di gomma, con i capi del partito post-comunista che replicano sprezzantemente alle accuse. Per chi se la sente, in lingua rumena (che non è troppo diversa dall'italiano) un'articolo dal quotidiano Romania Libera, vicino all'opposizione. In inglese, due analisi da Transition Online, che prende molto sul serio le lamentele del centrodestra: Razvan Amariei (Uno scenario ucraino?) e un commento redazionale (Romania, troppo simile all'Ucraina). In Italia solo il sito dell'Ansa-Balcani (un po' poco) da notizia della polemica scatenata da un giornalista rumeno sulle censure della tv di stato. Qui, ancora in rumeno, un dettagliato articolo dal quotidiano Evenimentul Zilei. Se poi si sveglia anche la stampa di casa nostra, ve lo segnalerò.

Cina - Una brutta Italia

Che Italia brutta e smemorata è andata a far l'accattona in Cina.

Orange Revolution - Hurrà!

“There have been a dozen days of protests, with hundreds of thousandsof protesters and not one violent incident. Amazing”. Da National Review.

Kossovo - Il rompicapo balcanico

Alessandro Gisotti è rientrato da un breve ma intenso viaggio in Kossovo, nel quale ha avuto modo di mettere il naso nelle vicende tuttora drammatiche di uno spicchio d'Europa che abbiamo dimenticato. Eppure le notizie non mancano. L'ultima, la nomina dell'ex capo della guerriglia albanese Ramush Haradinaj a primo ministro della provincia, ha scatenato le proteste dei serbi e riacceso i timori per la ripresa del conflitto. Gisotti ha realizzato un ampio reportage per Ideazione.com, ricco di analisi, commenti, interviste.

martedì, dicembre 07, 2004

Ucraina - Giornata interlocutoria

ACCORDO IN ALTO MARE
Il parlamento ucraino non è riuscito a trovare l'accordo per le modifiche alla legge elettorale, necessarie ad assicurare un corretto svolgimento della ripetizione del turno di ballottaggio il 26 dicembre prossimo. Si mantiene alta la tensione fra i sostenitori dell'opposizione che continuano a presidiare le strade e le piazze del centro della capitale [Kyiv Post].

POWELL REPLICA A PUTIN
Sul piano diplomatico ferma reazione del segretario di Stato Usa Colin Powell alle accuse del presidente russo Vladimir Putin, che aveva accusato gli Stati Uniti e l'Europa di intromissione negli affari interni dell'Ucraina: "L'unica cosa a cui siamo interessati è il diritto alla democrazia del popolo ucraino" [Radio Free Europe].

YANUKOVICH PERDE PEZZI
In vista del ballottaggio, prosegue la campagna elettorale di piazza del leader dell'opposizione Victor Yushenko mentre il suo avversario, il premier filo-russo Victor Yanukovich, perde i pezzi. Di oggi l'ultima, rilevante, defezione [Kyiv Post].

CORTE SUPREMA
Sulla natura e sulle conseguenze della decisione della Corte Suprema di annullare per brogli il risultato del ballottaggio del 21 novembre, ampia analisi di Ivan Lozowy sulla rivista centroeuropea Transition Online [Tol].

TIMOTHY GARTON ASH
Repubblica ha ospitato sabato scorso un lungo editoriale dello storico britannico Timothy Garton Ash, uno dei maggiori esperti di Europa centro-orientale, molto critico sulla generale freddezza dei media euro-occidentali verso la rivoluzione arancione in Ucraina. L'articolo era stato pubblicato qualche giorno prima sul quotidiano radical inglese The Guardian. Walking Class ve lo offre in lingua originale [The Guardian 1]. Il 25 novembre, agli albori della rivolta popolare, ne aveva scritto un altro, spingendo le leadership dell'Unione Europea a sostenere i manifestanti [The Guardian 2].

Iraq - Prove (russe) di guerra fredda?

Russia's President Vladimir Putin says he has grave doubts about plans to hold elections in Iraq next month [BBC]. Nel frattempo, l'inviato da Mosca de Le Figaro, Patrick de Saint-Exupéry, parla di impasse politica della Russia dopo l'irrigidimento sul caso ucraino [Le Figaro].

lunedì, dicembre 06, 2004

In caso di necessità

"Tutte le pelli non conciate possono essere cucinate e mangiate. Aggiunte alla minestra, ne migliorano il gusto. Se le si fa bollire a lungo, si ottiene della gelatina. Molti uomini affamati hanno mangiato i propri sandali".
Francis Galton, L'arte di viaggiare. Il manuale degli esploratori inglesi dell'Ottocento, 1872

Spagna - Il ritorno dell'Eta

Sette bombe in sette città diverse, nel Giorno della Costituzione. Poca potenza, pochi feriti. Ma la Spagna trema per la nuova offensiva terroristica dell'Eta. Forse, la guardia era stata abbassata un po' troppo? Le notizie e le analisi di El Mundo e ABC.

Arabia Saudita - Attacco a consolato Usa

Attacco terroristico al consolato americano di Gedda (Arabia Saudita), questa mattina. Un gruppo armato si è introdotto nell'edificio eludendo la sorveglianza di sicurezza. Pronta la reazione delle guardie di sorveglianza saudite: per alcuni minuti i due gruppi si sono affrontati in una sanguinosa sparatoria. Bilancio non ufficiale: 5 morti tra impiegati e guardie saudite, 3 fra i terroristi, imprecisato il numero dei feriti. L'attacco si è concluso. Secondo prime indiscrezioni, i terroristi sopravvissuti avrebbero confessato un legame con al-Qaeda. Notizie in diretta da Fox News, Cnn, Repubblica, Jerusalem Post.

sabato, dicembre 04, 2004

Eastern Europe - Le transizioni difficili

La complessità delle transizioni est-europee dal comunismo alla democrazia, dal collettivismo al libero mercato. Le analisi degli studiosi occidentali e i loro limiti interpretativi. La necessità di approfondire le conoscenze per capire i nuovi paesi entrati nell'Unione Europea e le ultime vicende dell'Ucraina (ma anche della Bielorussia, della Moldavia e, perché no, di Romania e Bulgaria). Nell'ampio saggio politologico del professor Taras Kuzio, che mette a disposizione dei lettori anche una sterminata bibliografia e un'utilissima lista di link. Il tutto in lingua inglese.

Ucraina - Riparte la campagna elettorale

The decision of the Ukrainian Supreme Court to order a new repeat of the second round of the presidential election is seen by many in Kiev as a virtual guarantee of victory for opposition candidate Viktor Yushchenko [BBC]. Si vota il 26 dicembre. Intanto, la presidenza ucraina ha annunciato questa sera che la tavola rotonda con i mediatori europei e russi si terrà lunedì a Kiev. La tavola rotonda è stata convocata per facilitare i negoziati tra opposizione e potere [Repubblica].

venerdì, dicembre 03, 2004

Ucraina - L'ansia del Cremlino

"[...] Ma gli abbracci all'amico Vladimir, l'illusione d'una Russia intenzionata ad una sempre maggiore integrazione negli organismi occidentali, appartiene ormai al passato. Gli umori sono cambiati in Occidente, dove d'ora in poi nessuno fingerà di non vedere l'involuzione autoritaria del sistema politico russo; e sono cambiati in Russia, dove uomini assai vicini a Putin già accusano apertamente i servizi segreti americani d'aver finanziato e montato la protesta di massa a Kiev [...]".

E' un estratto della bella analisi di Sandro Viola pubblicata oggi su Repubblica che mette a fuoco le conseguenze della crisi ucraina nei rapporti tra Stati Uniti ed Europa da un lato, Russia dall'altro. E la preoccupazione crescente a Mosca che la rivolta della vicina Kiev possa superare il confine e tracimare anche in Russia. Ecco, in versione pdf, l'intero articolo.

Ucraina - Vittoria "orange" su tutta la linea

La Corte Suprema invalida i risultati elettorali riconoscendo la gravità dei brogli e fissa la ripetizione del turno di ballottaggio entro il 26 dicembre [BBC]. Esplosione di gioia per le strade di Kiev, dove i manifestanti arancioni seguivano la conferenza dei membri della Corte attraverso due maxischermi. Le reazioni dall'Ucraina, dall'Europa, da Mosca e dagli Stati Uniti nella diretta di Repubblica. La cronaca in tempo reale delle manifestazioni dal blog Orange Ukraine.

Ucraina - Chi supporta l'orange revolution

Emerge una nuova classe sociale anche in Ucraina: la borghesia liberale. Ecco perché è scoppiata l'orange revolution. Ed ecco perché noi siamo con loro. E con la loro voglia di libertà.

Dai, riandiamo al ballottaggio!

New Poll data from the Razumkov Center:

In the event of a new second round of voting, this is the way it would break down, according to the data:
Yushchenko – 53%
Yanukovich – 38%
Against both candidates – 4%
I don’t know – 5%
"The poll was held from November 25th to November 29th 2004 in 118 cities, towns and villages in all regions of Ukraine. Two thousand and thirteen people over 18 have participated. Error rate is no more than 2.3%. [Le Sabot Post-moderne]"

Ucranian blog - Blogsfera in orange

Navigazioni notturne (e per il weekend) per seguire in presa diretta la rivolta in Ucraina.

Le Sabot Post-moderne
Tulip girl
Orange ucranian
Ukraine, oh my!

Il nostro newyorkese a Kiev

Dal New York Sun.

Ucraina - Il dilemma del nuovo voto

Ormai è chiaro. Il braccio di ferro in corso tra le due parti riguarda il nuovo voto. Putin ha deciso di scaricare Yanukovich e ha imposto al presidente ucraino Kuchma, chiamato oggi a rapporto nella capitale russa, di chiedere nuove elezioni. Yushenko fiuta la trappola e chiede a gran voce di ripetere solo il voto in cui sono stati accertati i brogli, cioè il ballottaggio. Spalleggiato in questo dal presidente polacco Kwasniewski. Un'occhiata alla legge elettorale ucraina permette di capire la natura del confronto: essa vieta, in caso di ripetizione dell'intero processo elettorale, che si ripresentino gli stessi candidati. Cosa che invece avverrebbe in caso di ripetizione del solo ballottaggio. L'obiettivo dei russi (e dei filo-russi) è quello di evitare la candidatura del popolarissimo Yushenko, di prolungare la reggenza di Kuchma il più a lungo possibile, di presentare un nuovo candidato e di affrontare fra qualche mese una nuova campagna elettorale sperando che la mobilitazione popolare contro il regime si sia sgonfiata. Oggi però è sceso in campo il presidente americano George W. Bush: "Nessuno s'intrometta nelle vicende interne del popolo ucraino". Forse adesso Putin capirà di non avere di fronte solo i timidi europei.

Comunque, ieri Bush ha parlato anche di questo.

giovedì, dicembre 02, 2004

Ucraina sul web - The Orange Revolution

La "Orange Revolution" ha il suo sito web, ricco di immagini, notizie, commenti sulla rivolta liberale che da più di una settimana sta attraversando città, strade e piazze dell'Ucraina. Un sito allegro e gioioso, nel quale domina l'arancione che colora di speranza il futuro dei giovani di questo paese. E' pieno di osservazioni dei cittadini e di link a siti amici, molti dei quali gestiti dalla diaspora ucraina in Europa occidentale e negli Usa.

Le guerre civili

Un benvenuto di cuore al blog "le guerre civili" che entra a far parte della famiglia dei blog di Ideazione. Inutile che perdo tempo a raccontarvelo, correte a leggerlo.

A rapporto

Leonid Kuchma, il presidente ucraino uscente, è partito oggi per Mosca dove incontrerà il presidente russo Vladimir Putin per discutere con lui della crisi elettorale. Lo rende noto l'agenzia di stampa russa Interfax [Repubblica]. Speriamo non vada a finire come a Dubcek nella primavera di Praga del 1968.

Nel frattempo a Kiev la Corte Suprema ha ripreso l'esame del ricorso presentato dall'opposizione liberale contro la regolarità del ballottaggio del 21 novembre scorso. Si esclude che entro oggi possa essere reso noto il verdetto. Yushenko ha comunque esortato le migliaia di persone scese in piazza a non abbandonare i loro presidi fino a quando la Corte non avrà invalidato le elezioni e fissato una nuova data per il voto.

mercoledì, dicembre 01, 2004

Per non dimenticare

La sorpresa. Il dolore. La morte. L'angoscia. E l'infame gioia. Per non dimenticare, le vittime e i carnefici. Da Little Green Footballs (è uno slide show, fate scorrere le immagini automaticamente).

Kiev - Segnali di disgelo

Viktor Yanukovic e Viktor Yushenko, i due candidati in furibonda lotta per la presidenza dell'Ucraina, si sono stretti stasera la mano al termine di una tavola rotonda a Kiev a cui hanno partecipato i principali protagonisti della crisi e alcuni mediatori internazionali. I due si sono accordati su una serie di emendamenti alla legge che regola l'elezione del presidente e per procedere ad una riforma del sistema politico e delle modalità per la formazione del governo [Ansa].

Ukraine's political opposition has agreed to lift its blockade of the parliament building, outgoing President Leonid Kuchma said Wednesday [FoxNews].

Ex-governor of the National Bank of Ukraine (NBU), and leader of the Working Ukraine party Serhiy Tihipko has proposed holding a new election as a compromise in the current political situation in the country [Interfax-Ukraine].

Non lasciamoli fuori dall'Europa


Ucraina - Anche Yanukovich per l'annullamento

Il premier filorusso Viktor Yanukovich ha chiesto alla Corte Suprema di annullare il controverso risultato del ballottaggio per le presidenziali; un voto fortemente contestato dall'opposizione, ma in cui il premier era stato dichiarato vincitore [Repubblica].

Onu - Kofi Annan must go

Bruciante editoriale di Norm Coleman sul Wall Street Journal (bisogna registrarsi). Lo scandalo Oil for Food sta diventando insostenibile. Un paio di giorni fa il blog gemello di Ideazione, The Right Nation, anticipava le notizie sul coinvolgimento del figlio di Kofi Annan, Kojo. Che oggi viene strapazzato da Christian Rocca sul Foglio (noi lo riprendiamo dal suo blog Camillo): merita una citazione il titolo dell'articolo, "Ndo Kojo Kojo". Ma allora perché Fini (e con lui l'Italia), invece di menarla tanto con il tira e molla con la Germania per un posto nel Consiglio di Sicurezza, non s'impegna in una vera e sacrosanta battaglia di principio per la riforma radicale dell'Onu?

Ucraina - Consigli dai think tank Usa

Di seguito uno spunto dell'analisi di Leon Aron, scholar fellow dell'American Enterprise Institute, esperto di Russia ed Europa orientale (è nato in Russia).

"With the Supreme Court of Ukraine attempting to settle the country's disputed presidential election and a majority of parliament having voted to invalidate the results, the tide is turning in favor of the contender, Viktor Yushchenko, the pro-Western candidate who favors democracy and liberal capitalism over corruption and dependence on Russia. This is good news for the United States, but as the Bush administration urges a peaceful resolution--most likely with a new election, which Yushchenko is expected to win--it needs to counsel the winner to act magnanimously and cautiously toward his opponents. Without this, the United States (and the West) could snatch the defeat of a deep political crisis, perhaps even a civil conflict and the country's break up, from the jaws of a democratic triumph".

Qui l'articolo completo[Link].
------------------------------

Questo invece è un estratto dell'intervista a Bob Schaffer, un ex membro del Congresso americano che ha fatto parte del gruppo di osservatori delle elezioni ucraine. Racconta alla National Review le sue impressioni sul voto, sui manifestanti, sulla voglia di libertà che soffia sulle sponde del Dnieper.

"The revolution has been dubbed "The Orange Revolution," orange being the campaign color of Viktor Yushchenko. The demonstrators say they are tired of living under a corrupt government and in a corrupt society. They are totally convinced Yushchenko won the election and that the will of the people has been thwarted by the government and by Moscow. They intend to stand their ground until their victory is recognized in Ukraine and throughout the world".

Qui l'intervista integrale [Link].
--------------------------------

Sul sito della Heritage Foundation, invece, Ariel Cohen (Research Fellow in Russia ed Eurasia) si preoccupa della possibilità che la Russia riprenda influenza nella zona eurasiatica se, nonostante i brogli, dovesse essere legittimata la vittoria del candidato filo-russo, Victor Yanukovich. Qui l'intera ricerca di Cohen [Link].

"The outcome of the Ukrainian presidential elections could dramatically increase Moscow's influence in Eurasia. If former Prime Minister Victor Yanukovich (the Kremlin's preferred candidate) is elected, the Kremlin would virtually control the Ukrainian presidency. That would allow Russia to exercise greater geopolitical influence in Ukraine and would increase Moscow's political momentum in the rest of Eurasia".

Qui l'intera ricerca di Cohen [Link].

Ucraina - Sfiduciato il governo di Yanukovich

Il Parlamento ucraino ha approvato di stretta misura una mozione di sfiducia al governo del premier filo-russo Viktor Yanukovich, voluta dalla opposizione. I manifestanti orange sono tornati in piazza e hanno bloccato tutte le vie d'accesso alle sedi istituzionali [Repubblica]. Il presidente uscente ucraino Leonid Kuchma si e' detto oggi a favore di nuove elezioni presidenziali su due turni invece di una semplice ripetizione del ballottaggio tra Viktor Yushenko e Viktor Yanukovic [Ansa].

Ukrainska Radianska Sozialisticna Respublika

"Ucraina significa paese di frontiera, e ai vecchi tempi era chiamata Piccola Russia. In realtà non è piccola, ma assai grande, il sesto paese d'Europa per popolazione. Ufficialmente il suo nome è Ukrainska Radianska Sozialisticna Respublika, e copre una superficie di 555.900 chilometri quadrati, all'incirca eguale a quella della Francia, con 40 milioni di abitanti. Il Dnieper, il terzo fiume d'Europa in ordine di grandezza, dopo il Volga e il Danubio, si curva attraverso Odessa in un arco irregolare, e il totale dei fiumi della regione è di quasi 100.000 chilometri.

L'Ucraina contiene un quinto dell'area coltivata totale dell'intera Unione Sovietica; ha 15.200 fattorie collettive e 1397 stazioni di macchine e trattori agricoli. Uno su cinque uomini, nell'esercito sovietico, è ucraino. L'Ucraina ha la propria bandiera, rossa e azzurra, ed è membro delle Nazioni Unite.

Quindici anni fa, se si domandava che cosa significasse l'Ucraina per l'Unione Sovietica, la risposta sarebbe stata che era la base essenziale per i combustibili, la metallurgia e la cerealicoltura del paese. Ma ora il Kasakistan la supera come granaio nazionale e la sua immensa costellazione di industrie è quasi pareggiata dai nuovi impianti negli Urali e nella Siberia centrale.

Tuttavia, la sua importanza per l'economia sovietica è ancora grandissima; essa dà all'Urss il 75 per cento dello zucchero, il 60 per cento del minerale di ferro, il 48 per cento della ghisa, il 30 per cento dell'acciaio e il 32 per cento del carbone. La produzione industriale raggiungerà nel 1960 un livello 27 volte superiore a quello del 1913 se i calcoli del sesto piano quinquennale saranno adempiuti".
John Gunther, Russia oggi, 1958

Ucraina - News in diretta

Notte e giorno, 24 ore su 24, live coverage da Kiev. In diretta su Einnews.com.

Ucraina - Dal quartier generale Nato

Intervista sugli sviluppi della crisi ucraina al portavoce della Nato a Bruxelles, Robert Pszczel. Il servizio, su ideazione.com, è di Alessandro Gisotti che ha approfittato di una tappa in Belgio, prima di volare in Kossovo. "Il nostro candidato in Ucraina è la democrazia", dice Pszczel che, per inciso, è polacco.

Sarkozy - La Francia s'è desta?

Arnold Schwarzenegger and Nicolas Sarkozy, a slightly built pretender to the French presidency, would not seem to have a whole lot in common. But Sarkozy loves to compare himself with California's "Terminator" turned governor. Both are self-made men, he suggests, from foreign backgrounds with "a name that's difficult to pronounce." Sarkozy also likes to pose for magazine pictures that are consciously Kennedyesque. There's even a shot of his young son playing beneath his desk the way John-John once played beneath JFK's.

In fact, Sarkozy, 49, is reveling in his image right now as France's Mr. America.The contrast with French President Jacques Chirac, 72, could hardly be more striking, or more calculated. Chirac has self-consciously cast himself as Mr. Un-America since leading international opposition to the invasion of Iraq last year. Can Sarkozy take him out? [Newsweek]

Ucraina - Visto da Berlino

Il quotidiano berlinese Der Tagesspiegel (area socialdemocratica) elogia la diplomazia telefonica del cancelliere Gerhard Schröder che avrebbe avuto un contatto con il presidente russo Vladimir Putin sulla crisi ucraina. Secondo il mensile di cultura politica Cicero, anch'esso vicino alle posizioni di Schröder, Putin e il Cancelliere sarebbro d'accordo sulla ripetizione del voto in Ucraina. Sulla linea Berlino-Mosca, però, ci deve essere qualche interferenza: ecco le ultime indiscrezioni sui movimenti delle truppe speciali russe a Kiev (dallo Spiegel on line, sempre area SPD).