venerdì, ottobre 29, 2004

Usa 2004 - Endorsement


Roma, Costituzione europea

Firmato in Campidoglio il Trattato chiamato Costituzione europea. Qui lo speciale del Corriere della Sera. La Costituzione americana comincia con "We the People". Quella europea con: "Noi Stati sovrani". La differenza è tutta qui. E infatti l'Italia l'approva senza referendum con una seduta straordinaria del Consiglio dei ministri.

Premio Sakharov ai giornalisti bielorussi

Scusate se insisto con la Bielorussia ma l'Unione Europea ha assegnato il Premio Sakharov all'associazione dei giornalisti bielorussi costretti a lavorare tra mille ostacoli nella dittatura comunista di Lukashenko.
Queste le motivazioni del premio:

Brussels, 28 October 2004
2004 Sakharov Prize goes to Belarusian Association of Journalists

The Belarusian Association of Journalists is the winner of this year's Sakharov Prize for Freedom of Thought. The Association was chosen today by the leaders of the European Parliament's political groups from a shortlist of three candidates.

The Belarusian Journalists' Association acts as champion of the independent media. It monitors infringements of freedom of speech and publishes its findings on its website. It provides legal assistance to journalists and tries to put pressure on the authorities over measures deemed harmful to freedom of the press.

"Awarding the Sakharov Prize 2004 to the Belarusian Association of Journalists, which fights for freedom of information against the attempts by President Lukashenko to smother it, is a very positive event. The results of the latest elections in this country make it clear that those fighting for freedom of information in Belarus and everywhere else in the world deserve our support," declared European Parliament President Josep Borrell.

The Belarusian Journalists' Association was nominated for the prize by the EPP-ED group. Also on the shortlist were Natalya Estemirova, a Chechen human rights activist nominated by the Greens/EFA group, in conjunction with Sergey Kovalev, a Russian human rights activist nominated by Vytautis Landsbergis and others, and Ingrid Betancourt, the Colombian human rights activist who was abducted by FARC in February 2002 and who was nominated by the PES group.

The Sakharov Prize has been awarded each year since 1988 for "achievements in the defence of human rights and fundamental freedoms, in safeguarding the rights of minorities, respect for international law and development of democracy and implementation of the rule of law". The prize, for which the winner receives €50,000, will be awarded at a formal sitting of Parliament in December.

giovedì, ottobre 28, 2004

Consigli per i visti - Vienna

Suggerimenti per il lungo ponte di inizio novembre. Perché non immergersi nelle atmosfere mitteleuropee di Vienna, la splendida capitale austriaca tornata al centro dell'Europa con la riunificazione del Continente?
Ultime informazioni turistiche dal sito della Lonely Planet, notizie sulla vita cittadina (in tedesco) dal sito Vienna on line, curiosità in italiano dal sito InfoVienna. L'albergo prenotatelo da qui.
Serate in concerto: non c'è che l'imbarazzo della scelta. Vi proponiamo la Wiener Staatsoper o la Wiener Philharmoniker. Fate un salto all'Università, una delle più antiche d'Europa, fondata nel 1365. Se non siete ancora convinti e desiderate fare un giro virtuale, questo è il posto che fa per voi.
Consigli sul volo. Senza fare tante storie, se partite da Roma, la migliore offerta qualità-prezzo è con Air Berlin (non mi danno la percentuale). Questo il sito dell'Aeroporto viennese.

mercoledì, ottobre 27, 2004

London in November

Costly overhaul
Ken Livingstone unveiled his new transport investment programme on October 12th. Among its trumpeted projects are air-conditioned tube trains, a new road bridge over the River Thames and an enhanced cycling network. Costing £10 billion ($18 billion), the massive overhaul aims to reverse decades of under-investment.
For Londoners, the most immediate (and painful) change will be a series of above-inflation rises in tube and bus fares, beginning next January. This is despite repeated promises from the mayor that any future hikes would be “pegged to no more than the rate of inflation”, and it comes after a substantial fare increase at the beginning of 2004. Many of the transport projects Londoners are being asked to fund are years away from completion, and some worry that costs will run way over-budget.

Photo-op finish
With the deadline for the final submission of London's bid for the 2012 Olympic Games a month away, flag-waving crowds thronged the West End on October 18th to watch a parade of Britain's Olympic and Paralympic medallists. The procession finished in Trafalgar Square, where the BBC interviewed some of the winners and giant television screens replayed highlights from the Athens games. The bid's organisers hope that the event answers criticism that London lacks the necessary “passion” to host the 30th Olympiad.
Meanwhile, work on finalising London's blueprint for hosting the games continues apace. In late September, the mayor rubber-stamped the plan for the main Olympic site in east London (it now requires governmental approval), and on October 4th gave the green light to a £3.5 billion regeneration project on abandoned land around Stratford station, which could provide much of the athletes' accommodation. According to the plan, most of the estimated £2.4 billion cost of staging the games will be met by the National Lottery, with another £550m raised from the capital's taxpayers. The judges of the International Olympic Committee will pick the host city—from London, Paris, Madrid, New York and Moscow—in July 2005.

Lights out
A city-wide ban on smoking in pubs and restaurants drew closer on October 13th. London's boroughs voted unanimously to submit a private bill to parliament barring smoking in enclosed public places. The Association of London Government had intended to make the anti-smoking provisions part of a larger bill aimed at improving local areas. But given the “strength of feeling around this issue”, the ALG has decided the ban will constitute a separate piece of legislation, to be submitted to parliament in November.
In the meantime, the mayor is clamping down on discarded butts, matches and cigarette packaging, which together apparently account for 2,700 tonnes of litter each year. Workers at Mr Livingstone's City Hall headquarters have been issued with heat-resistant “Stubbi” cigarette pouches, into which they are expected to deposit the offending butts. The mayor has also written to 300 firms telling them to stop their smoking staff from littering, and he is planning to introduce a £50 on-the-spot fine for offenders.

In a pickle
London's innovative “erotic gherkin” skyscraper may bask in critical and popular acclaim, but 30 St Mary Axe—as it's officially known—is struggling to attract tenants. Six months after opening, almost half of the gherkin's 40 floors remain unoccupied; Swiss Re, its owner and anchor tenant, is thought to be losing £35,000 a day in rental income. Unable to find a lone tenant to fill the rest of the space, the reinsurance company is now courting smaller firms such as hedge funds in the hope they'll be lured by the building's iconic status. This was further enhanced when the gherkin scooped Britain's top architectural award, the Stirling Prize, on October 16th.
Whether 30 St Mary Axe's teething problems put a brake on high-rise building elsewhere in the capital remains to be seen. The mayor gave his enthusiastic backing to another skyscraper, 122 Leadenhall Street, in late September. Planning approval for the wedge-shaped building, which if built will be the city's tallest, is expected in a matter of weeks. Some wit has already dubbed it the “cheese grater”.

The anti-Midas
The news that the prime minister, Tony Blair, and his wife, Cherie, had bought a £3.6m house in central London was met with puzzlement in early October. In part, this was because Mr Blair had just announced his intention to serve a third term (the Blairs had said they would let the property until he retired from politics). But the situation and timing of the purchase also bewildered some property-watchers. Located in Connaught Square, a short walk from Marble Arch, the five-bedroom Georgian townhouse offers relatively little privacy and is surrounded by busy and polluted arterial roads. The closest shopping area is the rather shabby Edgware Road, home to a large Muslim population that's unlikely to greet the prime minister with open arms.
The Blairs have also bought at a time when London's residential property market is wobbling. Recent surveys have shown house prices falling across the capital; annual house-price inflation is lagging well behind the national trend. Indeed, some have suggested that the couple have a reverse Midas touch: the Blairs' Islington house, which they sold for £615,000 in 1997, has since almost tripled in value to £1.69m.

Mostly unruffled
The latest Breeding Bird Survey has revealed mixed fortunes for the capital's feathered inhabitants. The blue tit, chaffinch, great tit, greenfinch, robin, woodpigeon and wren all increased in numbers in London between 1994 and 2002, and fared better than in the surrounding regions. But the starling, thrush, blackbird and sparrow have all declined, with the latter's population plummeting by 70% in London over the same period. Why the “cockney sparrer” has declined so fast remains a mystery, and is the focus of an investigation by the Royal Society for the Protection of Birds. Meanwhile, the London Assembly was shocked to learn that the mayor has spent £106,000 on reducing the number of pigeons in Trafalgar Square, and another £30,000 studying their welfare. Thanks to the energetic work of four hungry American-bred hawks named Stripey, Squirt, Nelson and Nathan, just 150 of the 4,500 birds remain.

martedì, ottobre 26, 2004

Il velo della discordia

Bello speciale di Radio Radicale sul velo delle donne islamiche dopo il divieto imposto in Francia in nome della laicità dello Stato. Analisi, commenti, documenti, testimonianze anche dall'Italia.

Il Male Necessario/6

TROPPA VODKA. "Vanno in bottiglieria a gruppi di tre, ciascuno mette la sua quota, comprano una bottiglietta di vodka e si ubriacano, nascondendosi nelle strade meno affollate, nei cortili, guardandosi intorno nel timore d'esser scoperti da qualche miliziano, si addormentano sulla metropolitana, sugli autobus, sui tram, d'estate sulle panchine dei parchi o lungo i marciapiedi. La gente non li guarda nemmeno, tanto è abituata allo spettacolo. Sulla piaga dell'alcolismo nell'Urss sono stati versati fiumi d'inchiostro dai giornali sovietici. Ma il problema rimane e si aggrava".
Piero Ostellino, Vivere in Russia, 1977

Due ruote che passione

Viaggio in bicicletta sulle rotte della Germania del Nord. Da Berlino ad Amburgo col simpatico ciclista Thomas Driemeyer, del quale sentirete ancora parlare.

lunedì, ottobre 25, 2004

Dimenticare Minsk

L'Europa ha già dimenticato la Bielorussia. Prodi si congeda da Bruxelles tra applausi di convenienza del Parlamento più inutile del mondo ma non apre bocca su Lukashenko. A Putin, quelli della Ue hanno fatto pelo e contropelo per la strage di Beslan, come se l'avesse compiuta lui. Al satrapo di Minsk, neppure una letterina di disapprovazione. Nel frattempo gli oppositori in Bielorussia sono allo sbando e molti puntano ormai a lasciare il paese.

Valige per l'Iran

"Sono i primi giorni di primavera del 2001 e preparo i bagagli con la fretta e la trepidazione di chi si accinge a un'avventura amorosa. Lascio a casa tutto quello che posso: voglio arrivare leggera nel corpo e nell'anima, avere spazi da poter riempire di nuovo. Faccio la valigia all'ultimo momento, come sempre, perché sono davvero poche le cose per me indispensabili, ma non dimentico di portare uno spolverino e un foulard per coprire la testa.
Li terrò a portata di mano per indossarli prima di salire a bordo dell'aereo Iran Air a Francoforte. Il resto andrà in una valigia molto grande che partirà quasi vuota e tornerà piena. Meglio portare anche qualche capo un po' elegante, penso mentre faccio i preparativi, dato che vado a vivere a casa di una famiglia dove potrò stare senza foulard e senza spolverino, e di certo sarò invitata in casa di persone per le quali le donne non debbono necessariamente indossare il velo islamico chiamato hejab.
Se visitassi il paese da semplice turista non mi occorrerebbero che un paio di pantaloni ampi e una camicetta leggera con i rispettivi ricambi. Nessuno, infatti, vedrebbe ciò che indosso sotto l'uniforme imposta dalla legge islamica e, con il caldo che fa in primavera, la cosa migliore è vestirsi più leggere possibili sotto l'hejab. Il mio viaggio, però, non sarà una semplice escursione turistica, bensì un'esperienza più profonda. Sono emozionata e nervosa: intuisco che un cambiamento di vita così radicale sarà per me come una cura dello spirito, un modo per allentare la tensione prodotta dalla fatica di abitare in una grande città europea. Penso che a Isfahan farò mio il proverbio asiatico secondo cui la fretta è un'invenzione del diavolo".
Ana M. Briongos, La caverna di Alì Babà, 2002


"Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni e i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere,
non sarà questo il genere d'incontri
se il pensiero resta alto e il sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi e Lestrigoni, no certo
né nell'irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l'anima non te li mette contro.
Devi augurarti che la strada sia lunga
che i mattini d'estate siano tanti
quando nei porti - finalmente e con che gioia -
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia e acquista
madreperle coralli ebano e ambre
tutta merce fina, anche aromi
penetranti d'ogni sorta, più aromi
inebrianti che puoi,
va in molte città egizie
impara una quantità di cose dai dotti.
Sempre devi avere in mente Itaca
- raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
metta piede sull'isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.
Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
in viaggio: che cos'altro ti aspetti?
E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
Già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.
Costantinos Kavafis, Itaca, 1911.

domenica, ottobre 24, 2004

Kossovo, Rugova e boicottaggi

Belgrado detta la linea del boicottaggio e i serbi disertano le urne. In Kossovo vince Rugova, che però perde consensi rispetto alle elezioni precedenti.Il voto non sblocca lo stallo e ora le trattative per lo status della provincia si aprono in un clima di incertezza. Qui l'analisi dell'Ansa, di IPWR e di Tol. Sempre dalla rivista Transition, un reportage sullo stato dell'economia in Serbia.

venerdì, ottobre 22, 2004

Walker goes to Brindisi

"Eravamo seduti presso la finestra di un salottino del Grande Albergo Internazionale, al secondo piano, in Brindisi; erano le quattro pomeridiane del 23 settembre del 1894. Dinanzi a noi si apriva il bellissimo porto, il più sicuro, credo, di tutta la costa adriatica d'Italia. Giù, giù, in fondo al mare, a filo dell'orizzonte, vedevamo comparire alcuni punti neri, che lentamente si ingrandivano.
- Che cosa sono quei punti neri?
- Vapori, rispondeva il compagno. Non vede gli alberi e il fumo?
- No, io sono miope.
Ma dopo alcuni minuti, fissando coll'occhio armato di lenti:
- Ora, dicevo, li distinguo bene anch'io".
Mons. Geremia Bonomelli, Un autunno in Oriente, 1904
In partenza per Brindisi (sarò più vicino al Kossovo, l'odore delle schede elettorali si sente meglio), le cronache proseguono da lì per il fine settimana. Forse, con minor regolarità.

GeoPolitica - Kossovo

Domani e dopodomani si torna a votare in Kossovo. E' la quarta volta da quando è finita l'amministrazione serba. Tra sei mesi, l'avvio dei negoziati per la scelta dello status definitivo della provincia. Questo rende la tornata elettorale particolarmente importante. La cronaca dall'Ansa, un'ampia analisi critica da Tol. La situazione della regione, a cinque anni dal bombardamento voluto da Clinton e D'Alema, resta priva di sbocchi politici e densa di incognite. Quando i capi dell'Ulivo mondiale decisero di muovere la guerra alla Serbia avevano un chiaro piano di soluzione del conflitto? Non pare, a giudicare dai risultati. Per di più in un'area che vede l'Italia direttamente coinvolta dal punto di vista geografico.

giovedì, ottobre 21, 2004

Qualcuno se n'è accorto

E' George W. Bush che ha chiesto sanzioni verso la Bielorussia per violazione dei diritti umani. Gli altri leader mondiali dormono. E sono complici.

mercoledì, ottobre 20, 2004

Guide turistiche

Guide turistiche per girare il mondo. Ecco un elenco molto completo di quel che si produce all'estero e viene tradotto in italiano (dal sito

Tradotte dal tedesco e pubblicate in Italia dalla De Agostini sono guide con una lunga storia alle spalle. Corredate da una carta stradale e arricchite di mappe e foto a colori, sono di facile consultazione, essendo le località raccolte in ordine alfabetico e i luoghi più interessanti evidenziati con asterischi. Sono anche suggeriti possibili itinerari automobilistici a partire dalle località più note. Divise in sezioni dai diversi colori, descrivono gli aspetti principali di interesse storico, architettonico e culturale del paese, fornendo anche una selezione di indirizzi e dedicando un capitolo alle informazioni pratiche. ( - in tedesco)
Collana di guide 'impegnate', ricche di approfondimenti storici, sociologici e culturali, scritte da uno specialista con la collaborazione di diversi esperti del paese trattato. Talvolta sono però carenti negli aggiornamenti e un po' generiche nelle informazioni pratiche. Sono articolate per aree geografiche e gli autori sono italiani, quindi più vicini al nostro modo di viaggiare. Non posso non consigliare a chi partisse per la Libia quella di Andrea Semplici, una vera Guida d'Autore. (
Tradotte in 'tempo reale' ed adattate dall'australiana Lonely Planet, la bibbia del viaggiatore indipendente. Dettagliatissime, esaustive, ricche di cartine e mappe, aggiornate dagli autori grazie anche al contributo dei viaggiatori stessi. Comprendono un'ampia sezione informativa sul paese, una sezione linguistica e una sulla salute e la sicurezza in viaggio. Sono indicati itinerari e cose da non perdere, ma l'articolazione è per aree geografiche, lasciando la pianificazione del viaggio al lettore. Rispetto alla versione in inglese aggiungono informazioni utili al viaggiatore italiano e spesso suddividono i paesi che nell'originale sono in un unico volume, probabilmente considerando che il nostro stile di viaggio privilegia itinerari più circoscritti rispetto ai globetrotters australiani. Coprono 150 diversi paesi, compresi luoghi remoti e selvaggi e mete alternative. ( ; : dal sito si possono scaricare gli aggiornamenti on-line).
La versione italiana delle famose guide americane, consigliata soprattutto per le destinazioni negli Stati Uniti. Sono guide in bianco e nero, forse poco accattivanti nell'aspetto, ma molto pratiche e ricche di informazioni, consigli, indirizzi, cartine dettagliate e indicazione di servizi a diverse fasce di prezzi. Dopo un capitolo introduttivo informativo sul Paese sono divise per aree geografiche. (
Distribuite dal Touring Club, sono le traduzioni di molti titoli delle Rough Guides, con l'aggiunta di altri non presenti nella collana originale, scritti da autori italiani seguendo il medesimo schema, ma con maggior attenzione al pubblico italiano, anche se con una cartografia non sempre all'altezza della collana. Sono guide rivolte ai viaggiatori indipendenti, non solo giovani, non solo con pochi soldi. Con un valido approfondimento culturale, sono da leggere e da consultare e danno una buona idea dei luoghi più interessanti da visitare, organizzati per aree e itinerari. Il costo è contenuto, ma come sempre verificare gli aggiornamenti. (
Sono le guide APA che ritornano sul mercato tradotte in italiano e pubblicate dal Sole 24 ore, per ora con pochi titoli, ma con diversi altri in uscita a breve. Come sempre piacevoli e curate nella grafica e con uno splendido corredo fotografico, sono piuttosto voluminose, forse più da leggere prima della partenza e da conservare al ritorno come ricordo del viaggio. Offrono nella sezione Cultura, territorio e società, un'approfondita descrizione del Paese e della sua storia, viste con un taglio giornalistico attraverso gli occhi di scrittori e fotografi locali. Curata è anche la sezione Itinerari, corredata da numerose cartine geografiche a colori Finalmente aggiornata quella informazioni utili, completata con riferimenti per il viaggiatore italiano. (
MICHELIN - La Guida Verde
Famosa collana di guide tradotte dal francese, ma ancora con pochi i titoli di destinazioni extraeuropee. Riporta i luoghi d'interesse in ordine alfabetico, evidenziandone l'importanza (anche visivamente su di una mappa) e indicando le possibili escursioni da effettuare a partire dalle località più note. Un capitolo introduttivo è dedicato ai consigli pratici. Le nuove edizioni hanno un'introduzione più ricca su cultura, storia e civiltà ed una selezione di alberghi, ristoranti e attrezzature per il tempo libero. (
Una guida tuttofare, per il turista organizzato e per quello indipendente. A buon mercato, essenziale, non eccessivamente specifica nelle informazioni pratiche, ma con indicazioni sul come ottenerle.
MONDADORI -Guide GeoMondadori
Tradotte dalle francesi Peugeot, hanno molti titoli su città e paesi europei, ma pochi extraeuropei. Sono graficamente piacevoli, ricche di illustrazioni minuziose, curiosità, foto a colori e piantine anche tridimensionali. Evidenziano gli itinerari e dedicano una sezione alle informazioni turistiche. Di impostazione culturale, sono adatte soprattutto per le visite alle città. (
Guide passpartout di facile consultazione, poco tecniche, essenziali nelle informazioni pratiche, ma piacevoli nelle descrizioni, ricche di informazioni storico-culturali, corredate da piantine e cartine con itinerari, illustrate con belle foto a colori, insomma dei libri da leggere prima e da conservare al ritorno dal viaggio. (
Ha due collane di guide, con pochi, selezionati titoli, una veste grafica curatissima e scrittori professionisti: davvero da collezionare.Appunti di viaggio: guide 'vissute', con descrizioni relative alla storia, cultura e tradizioni del Paese e proposte di percorsi sia classici che fuori dalle rotte del turismo convenzionale. Percorsi: approfondimenti storici o etnologici, corredati da possibili itinerari di viaggio. (

Amari ritorni

"Sulla nave che lo riportava in Inghilterra al termine della sua straordinaria impresa, Stanley passeggiava sul ponte pregustando la gloria e gli onori che lo aspettavano. Finalmente sarebbe uscito dai bassifondi dell'esistenza! Passò in rassegna il suo modesto guardaroba di cronista giramondo: per prima cosa avrebbe dovuto acquistare un completo nuovo, non poteva certo presentarsi in società vestito come uno straccione.
Di sicuro lo avrebbero convocato alla Royal Geographical Society per avere un resoconto dettagliato della sua impresa, nella quale, oltre a riuscire nell'eccezionale ritrovamento, aveva anche avuto l'occasione di esplorare territori sconosciuti. Sarebbe anche stato convocato dalla regina, non aveva dubbi. Nessuno era più caro al cuore degli inglesi di David Livingstone, e l'uomo che lo aveva ritrovato, dopo ben sei anni dalla sua scomparsa, sarebbe stato altrettanto amato e apprezzato. Era talmente eccitato che non riusciva a prendere sonno la notte, quando il rollio dell'oceano lo cullava nella sua cuccetta.
Se solo avesse immaginato che cosa lo aspettava, nemmeno il suo stomaco di ferro avrebbe resistito al mal di mare. Ne ebbe un primo sentore quando, arrivando al porto di Liverpool, non trovò nessuno ad attenderlo. Né folla, né autorità, nemmeno un cane!"
Laura Rossi, Il signor Stanley e le sue tre vite, 2003

martedì, ottobre 19, 2004

Medieval London

Le origini romane di Londra. Londra è una città ricca di storia e di cultura. Al contrario di quel che si pensa, la sua esplosione urbana si concentra negli ultimi due secoli, durante i quali il tessuto urbano si è esteso inglobando i paesi, i villaggi e le piccole città circostanti. Oggi Londra è una metropoli di 7 milioni di abitanti (11 milioni se si considera anche la fascia più esterna e lontana dal centro anche 50 km).La parte più antica sorgeva dove oggi si è sviluppato il centro economico della città (la zona tra City e Doclands), e i Celti chiamavano quel luogo "forte sul lago"; in seguito i romani, che invasero la Gran Bretagna nel 43 d.C., chiamarono quel luogo sul Tamigi Londinium, termine anch'esso di derivazione celtica. Verrso il 50 d.C. l'edificazione di un ponte permanente (posto dove oggi c’è il London Bridge) rese Londinium un importante centro commerciale e strategico.
Nel 60-61 d. C. il primo il villaggio venne distrutto da una rivolta popolare e venne ricostruito rapidamente: dal 100 d. C. divenne capitale della Britannia.

La città medievale. Occupata dai sassoni nel 604, in seguito fu ripetutamente attaccata dai vichinghi durante tutto il sec. IX. Alfredo il Grande (detto anche Egberto di Wessex, Wartage 848-901), re del Wessex e degli anglosassoni (dal 871 al 901), la conquistò nell'866; riuscì per primo ad unificare tutto il territorio delle isole britanniche.
Con la salita al trono di Guglielmo il Conquistatore (Falaise 1027 - Saint-Gervais 1087) dopo la vittoria su Aroldo II di Wessex (1022 - Hastings 1066) nella battaglia di Hastings del 1066 (14 ottobre), che segnò l'inizio della conquista normanna dell'Inghilterra, Londra divenne una vera città: fu eretta la famosa Torre di Londra (che oggi custodisce i gioielli e la Corona della Regina), e fu compilato il primo registro catastale, il Domesday, cui si fa riferimento ancora oggi.Durante tutto il medioevo Londra continuò ad espandersi, lungo il Tamigi, verso la foce (l’odierna City, e zone limitrofe). Nel frattempo cominciano a nascere alcuni villaggi nelle vicinanze (le zone di Camden Town, Islington, Bermondsay, Highbury, St. Jonh's Wood) che saranno inglobati nell’area urbana della Londra moderna. Nella prima metà del sec. XII Londra diventa capitale amministrativa e politica del regno, e nel 1193 il popolo elegge il suo primo sindaco (mayor). Per oltre 300 anni (dal 1154 al 1485) regnò su tutta l’Inghilterra la dinastia dei Plantageneti, il cui nome deriva dal francese antico planta-genet, il ramo di ginestra presente nello stemma di Goffredo V d'Angiò, fondatore della dinastia.

Fumo di Londra

Ultime sulla capitale britannica dal sito della Lonely Planet, dal City Guide di Time Out, da Londontown. Notizie fresche sulla scena londinese da This is London, su cronaca e attualità da Local London. Niente male anche la pagina di Londra del sito della BBC. Tutte le informazioni sui trasporti dal sito della Rough Guide. Per arrivarci, voli low-cost con la compagnia irlandese Ryanair. A meno che non volete provarci in auto attraverso il Tunnel della Manica.

lunedì, ottobre 18, 2004

Lukashenko über alles

Ovviamente ha vinto lui, il satrapo di Minsk. Questo il reportage dalla Bielorussia della BBC. Qui le reazioni preoccupate della stampa dei paesi confinanti. E queste le rimostranze dell'Ocse, l'Organizzazione europea per la sicurezza e la cooperazione. Ovviamente Lukashenko festeggia e se ne frega.

Fortezza Europa - Ue

Impronte digitali nei passaporti, rafforzamento dell'Europol, procedure più celeri per l'espulsione di terroristi. Queste le decisioni del vertice dei ministri dell'Interno di cinque paesi dell'Ue.

Fortezza Europa - Romania

Romania e Ucraina ai ferri corti per problemi di confine lungo il Danubio. La Romania entrerà nell'Unione Europea entro il 2007. Per il momento, rafforza i controlli alle frontiere.

domenica, ottobre 17, 2004

GeoPolitica - Bielorussia

Votazioni in corso nel paese più stalinista fra tutti quelli sorti dall'implosione dell'Unione Sovietica: la Bielorussia. Si vota per rinnovare i 110 membri del parlamento e per un referendum che concederebbe al lider maximo Alexander Lukashenko un terzo mandato presidenziale consecutivo (di sette anni) al termine di quello attuale. Il mandato scade nel 2006. Se Lukashenko vincesse il referendum, potrebbe governare fino al 2013. Stati Uniti e Unione Europea hanno espresso ufficialmente seri dubbi sul regolare svolgimento del voto. Qui i servizi di RaiNews 24 e della Cnn.

Olimpiadi culinarie

Erfurt, Germania. In corso le olimpiadi della cucina. In gara i migliori chef di 32 paesi che si contendono il titolo nelle "materie" gastronomia calda e pasticceria. Prelibatezze da tutto il mondo. Se al momento avete fame, non aprite questo link.

Quattro passi (virtuali) per l'Islanda

Cosa sapete dell'Islanda? Qui un po' di link per farsi una prima idea. Dal sito Global Geographia, informazioni sulla geografia dell'isola. Dal Factbook della Cia, notizie politiche economiche e sociali. Se volete approfondire la conoscenza dell'Islanda per programmare un viaggio, ecco il sito che fa per voi. Un'occhiata al meteo per sapere che freddo fa.

Gli dei d'Islanda

Un viaggio straordinario ai confini d'Europa, dentro atmosfere selvagge che riportano ai tempi della Genesi. Dalla rivista francese di geopolitica Courrier International.

sabato, ottobre 16, 2004

Il male necessario/5

ALZAVANO IL FILO SPINATO. "Finii dalle parti dell'Alexanderplatz, a cercare invano, nel buio tra le macerie, l'ombra degli eroi romanzeschi di Döblin. Non c'erano più gli avventurosi straccioni e le birrerie dalle quali uscivano fumo di sigari e suoni di chitarre e di fisarmoniche, ma solo la composta tristezza di qualche passante, marito e moglie, coi vestitucci dozzinali, e un bambino, tra le braccia, addormentato. Quel paesaggio è profondamente mutato. Pochi giorni dopo, Ulbricht dava un ordine, e i Vopo piantavano i paletti e alzavano il filo spinato e le torrette di osservazione, muravano le finestre degli edifici sul confine, bloccavano ogni uscita. Cominciava da quel momento la vera storia della Repubblica Democratica".
Enzo Biagi, Germanie, 1976

venerdì, ottobre 15, 2004

Pianeta Caucaso

Calmucchi, adighi, abchazi, daghestani, circassi, sapsughi, calcari, nogai, osseti, russi, eccetera eccetera. Non basterebbe lo spazio di questo articolo per enumerare e descrivere le tante etnie che abitano le montagne del Caucaso, quella striscia di terra conficcata ad oriente del nostro continente, tra Mar Nero e Mar Caspio, tra la pianura del Don e l’altopiano anatolico, laddove l’Europa si stempera nella grande avventura asiatica.
E’ il Pianeta Caucaso, un mondo a parte, formato da asprezze geografiche, dolcezze naturalistiche, complessità sociali. E da un decisivo ruolo geopolitico e geoeconomico, al centro del passaggio di importanti vie di comunicazione energetica e di progetti ulteriori che attendono da tempo la stabilizzazione politica della regione per essere realizzati.
Pianeta Caucaso è anche il titolo di un libro. Lo abbiamo preso in prestito da un giornalista passato alla diplomazia, il polacco Wojciech Gorecki, che su queste terre affascinanti e maledette ha scritto uno straordinario reportage, pubblicato in Italia da Bruno Mondadori. Gorecki, a testimonianza di quanto di buono può arrivare alla cultura europea dalla fame di conoscenza di uomini dei nuovi paesi dell’Est, ha speso anni e chilometri fra le montagne caucasiche, incontrando persone, facendo domande, cercando risposte. Ha viaggiato da Astrachan a Machackala, dalla martoriata Grozny a Tbilisi, da Suchumi (l’antica Sebastopolis) a Stavropol. Ha percorso strade sterrate, tornanti a strapiombo, gallerie che sembravano senza uscita, sopravvivendo agli agguati di una criminalità sempre più aggressiva e alla giuida di conducenti d’autobus spericolati.
Ma soprattutto ci ha riportato il Caucaso, il Pianeta Caucaso, fuori dalle nebbie confuse delle guerre intestine, delle macerie fumanti e delle ribellioni soffocate.Quando la routine delle notizie che giungono da una zona spengono la voglia di conoscere, di sapere, ecco che diventa importante un viaggio come quello, per restituire volti e nomi a uomini che, nonostante tutto, in quelle zone continuano a vivere. E’ il motivo per cui è necessario stringere il focus su queste montagne, diradare la cortina del silenzio che ha avvolto queste regioni, le sue guerre, le sue speranze da quando la cronaca è divenuta un’interminabile collana di orrori. Il Pianeta Caucaso potrebbe apparire una periferia del mondo, schiacciata com’è ai confini d’Europa e d’Asia, e invece è il centro di una partita decisiva, in cui gli interessi economici ed energetici quasi sono marginali rispetto alla lotta fra islamismo moderato e integralismo wahabbita, alla scommessa di una Russia democratica e non imperialista, ai destini di una Turchia europea.
Tra queste montagne e queste gole si giocano le sfide d’inizio secolo. Com’è quella di un Caucaso che recuperi la sua antica tradizione di laboriosità e tranquillità così tipica di quelle realtà meridionali. Dopo anni di guerre civili, continuare a immaginare un futuro balcanico per il Caucaso vorrebbe dire non assorbire un focolaio di violenza, criminalità e orrori che non tarderebbe a coinvolgere anche noi che tanto lontani non siamo.
Un autore della metà del diciannovesimo secolo, Michal Butowd Andrzejkowicz, ironizzava così: “Se chi viaggia nel nostro Caucaso dalle cento lingue si accende la pipa, prima di averla finita ha già attraversato molti paesi”. Nel tempo che intercorre tra la prima e l’ultima boccata di pipa si possono aver attraversare dialetti, facce, abitudini, sistemi politici, religioni, cucine così diverse da rendere quasi improponibile l’idea di un’entità caucasica comune. E difatti ogni etnia ha una sua propria idea della libertà, della democrazia, dei torti subiti dall’etnia vicina, delle vendette da operare.
Si chiama Caucaso ma sembrano i Balcani, regione divisa tra la sua parte settentrionale rinchiusa nella Federazione russa e quella meridionale – la Transcaucasia – frastagliata nelle nuove repubbliche nate dallo sgretolamento dell’impero sovietico. Sgretolamento che ha partorito una miriade di piccoli nazionalismi che lungi dal ricomporre un tessuto di libertà ha scatenato l’odio di tutti contro tutti. Gorecki ci descrive la situazione con poche frasi quando parla della Georgia e dell’Ossezia: “Le due etnie non si odiavano, tanto è vero che si verificavano frequenti casi di matrimoni misti e di villaggi georgiano-osseti. Poi, di colpo, gli uni e gli altri persero la testa, sospettando congiure ordite dalla parte avversa e intrighi dietro le quinte. Da un giorno all’altro il vicino, il collega di lavoro e il compagno di studi divennero nemici da combattere”. Parla di Tbilisi e sembra Sarajevo.
Ma la follia di questo puzzle incomponibile è che, anno dopo anno, diventa più difficile riannodare le fila, anche perché all’impazzimento di tutti contro tutti si sommano le mire egemoniche dei vicini più grandi, Russia e Turchia in primo piano, che dispiegano su questo scacchiere il loro piccolo grande gioco. Appare sempre più una cartolina ingiallita l’immagine della Sebastopoli del secondo secolo quando nel suo porto sul Mar Nero attraccavano navi commerciali da tutti i punti del mondo conosciuto e sulle banchine lavoravano interpreti in venticinque lingue. Un tempo la complessità era la ricchezza del Caucaso, oggi la sua debolezza.
Pierluigi Mennitti, Pianeta Caucaso, 2004

Che tempo fa?

Non mettetevi in viaggio senza sapere che tempo fa. Sul sito informazioni aggiornate 24 ore su 24 e previsioni anche a lungo termine. Cartine meteo, isobare, temperature, venti e mari. Si entra direttamente sulla mappa degli Stati Uniti d'America ma poi, utilizzando le cartine alla destra, si spazia in tutto il globo. Qui i link diretti per l'Europa e per l'Italia. Può essere utile anche utilizzare questo convertitore delle temperature Farenheit-Celsius.

Walker's Lonely Planet Club Band

Non c'è dubbio. La migliore guida di viaggi al mondo è la Lonely Planet. Dati, notizie, informazioni utili, una vera guidebook in stile anglosassone. Essenziale e concreta, potrà difettare nella descrizione scolastica dell'ultimo capitello di una colonna, ma di certo vi indirizzerà nel posto giusto quando avrete una fame da lupi e pochi spiccioli in saccoccia. Tradotte in moltissime lingue, c'è ormai una sterminata scelta anche in italiano. Sono lontani i periodi in cui le si trovava solo in inglese. I vecchi sessantottini che, negli anni Settanta, pubblicavano a proprie spese guide spericolate per luoghi remoti, sono oggi una holding che fattura bilioni di dollari. Se agli inizi le Lonely Planet coprivano solo paesi come Vietnam, Indonesia, Tibet, oggi si spingono fino a descrivere singole regioni italiane. La qualità resta molto alta, ma qualche volta i loro autori incappano in superficialità e luoghi comuni dovuti anche al fondo politically correct con cui trattano le vicende politiche. In Sicilia, ad esempio, qualcuno si è risentito.

La terra vista dal satellite

Dal sito della DigitalGlobe, foto satellitari di straordinaria bellezza e definizione, da poter scaricare e utilizzare come screensaver. Queste 64 immagini sono gratuite. Per le altre si deve pagare.

giovedì, ottobre 14, 2004

Happy Hour

Grazie al blog elettorale di Ideazione, il link al più strepitoso resoconto del dibattito Bush-Kerry di questa notte.

mercoledì, ottobre 13, 2004

We the People

"We the People of the United States, in Order to form a more perfect Union, establish Justice, insure domestic Tranquility, provide for the common defence, promote the general Welfare, and secure the Blessings of Liberty to ourselves and our Posterity, do ordain and establish this Constitution for the United States of America".
Qui la versione in pdf della Costituzione degli Stati Uniti d'America

Un Mare di raffinatezza

Ci sono molte riviste sul mare ma questa, secondo me, è la migliore di tutte, per raffinatezza grafica, bellezza delle foto e accuratezza dei testi. E' tedesca. Si chiama Mare, con la testata in italiano. Dall'ultimo numero (ottobre-novembre 2004), due articoli dedicati ad Istanbul, tanto siamo in tema: An Vielen Ufern (Lungo tante sponde) e Die Universale Metropole (La metropoli universale).

La libertà dei mari

"La libertà dei mari è un'espressione che sembra sfuggire alla necessità di una definizione per l'immediata rispondenza che essa evoca nello spirito dell'uomo. Il mare è sentito dagli uomini come un immenso beneficio della natura. La sua stessa atmosfera è quella della libertà. Quando le coste non sono più che una linea incerta e confusa all'orizzonte, un senso generoso d'indipendenza pervade l'uomo sul mare. L'occhio ha dinanzi a sé una sconfinata distesa senza ostacoli, una via immensa che, secondo l'espressione di Geremia Bentham, è sempre in movimento e si ripara senza l'intervento della mano dell'uomo. Questa via eterna rende più facili e più rapide le comunicazioni fra i popoli, i loro scambi; è più economica e meno accidentata dei cammini terrestri; nutre, anche, gli uomini che la percorrono e dona loro le sue ricchezze".
Mario Monterisi, La libertà dei mari e l'Inghilterra, 1943

GeoPolitica - Turchia

Ecco il documento ufficiale (in inglese) con le raccomandazioni della Commissione europea sul processo di integrazione della Turchia nell'Unione Europea.


La Tavernetta - Ristorante caratteristico, Grill room, Bar - Roma, via Sistina 147, telefono 481939 - Elegante ritrovo cosmopolita - Musica tutte le sere - Aperto fino ad ora inoltrata - On parle francais, English spoken, Man spricht Deutsch.
Almanacco del turista, 1949

martedì, ottobre 12, 2004

Decennio che vai, stessa Europa che trovi

"Questo taccuino di viaggio l'ho cominciato nell'estate 1962. Era un'estate fredda. Ogni giorno pioveva. Mentre partivo dall'aeroporto di Milano si vedeva nelle edicole un numero di Time dedicato alla scienza americana come alla più forte scienza del mondo e mentre sostavo all'aeroporto di Bonn si vedeva Papa Giovanni XXIII benedire da uno schermo televisivo i gemelli spaziali Nikolaiev e Popovic. Naturalmente i giornali, comunisti o conservatori, liberali o cattolici, ripetevano una sola domanda: e l'Europa? Cosa fa l'Europa? Perché, senza dubbio, è proprio questa la domanda più popolare dei nostri anni. L'Europa va come può andare una società per azioni nella quale c'è sempre un socio come De Gaulle pronto ad arraffare il pacchetto di maggioranza. Non è ancora un continente. E' solo una specie di grosso trust, l'Occidente Limited Company".
Alberto Cavallari, L'Europa intelligente, 1963

lunedì, ottobre 11, 2004

Usa 2004: chi vincerà davvero

Dal blog elettorale di "Michael Barone, su US News & World Report, ha capito tutto. A decidere le elezioni americane non sarà la categoria in via d'estinzione degli indecisi (che dopo la campagna elettorale più lunga e violenta del dopoguerra non si è capito bene cosa aspettino ancora per decidere), ma la capacità repubblicana e democratica di garantire un turnout massiccio della propria base nel giorno delle elezioni. Chi riuscirà a convincere i propri elettori ad andare a votare il 2 novembre, avrà mezza elezione in tasca. Il resto sono soltanto chiacchiere sofisticate".
Per non lasciarsi fuorviare dalle chiacchiere sofisticate, seguite il blog di

GeoPolitica - Romania e Bulgaria

Due paesi dell'area danubiana sono in corsa per agganciare il treno dell'Unione Europea nel 2007. Sono Romania e Bulgaria, stati con i quali l'Italia ha rapporti intensi e consolidati. Facevano parte del gruppo del precedente allargamento, ma i ritardi accumulati in alcuni settori rispetto all'accoglimento dell'acquis comunitario, ne ha posticipato l'ingresso. Walking Class seguirà, nei prossimi due anni, l'andamento delle trattative di Romania e Bulgaria, dando informazioni e notizie dettagliate. Nel frattempo la congiuntura economica elaborata dall'Ice (l'Istituto per il Commercio Estero) di Romania e Bulgaria e lo stato di avanzamento dei colloqui con Bruxelles per Romania e Bulgaria dal sito dell'Ue.

In viaggio lungo il Danubio

Quando le piogge lo gonfiano, come è capitato durante l’alluvione del 2002, il Danubio fa molta paura. Sui lungofiume di Budapest, Bratislava, Vienna e Belgrado i cittadini si affacciano timorosi, misurando con occhi esperti il livello delle acque, lo spazio esiguo sotto le arcate dei ponti, i sacchi di sabbia assiepati attorno agli argini, ultimo estremo baluardo contro lo scatenarsi della furia liquida che cancella strade, monumenti, case, ricchezze. In quei giorni, in quelle ore di cupa angoscia, il Danubio cessa di essere blu e di accompagnare a ritmo di valzer la rinascita economica degli Stati che attraversa.
Mi è capitato di attraversarlo proprio due estati fa, il Danubio, gonfio di pioggia e di cattivo umore. L'ho incrociato in più punti, sempre più minaccioso man mano che si scendeva verso l’ampio delta del Mar Nero: a Komarno sul ponte che segna il confine slovacco-ungherese, dove la guardia nazionale batteva in lungo e in largo gli argini già inondati; a Budapest dove i batoux-mouche che rallegrano le serate mitteleuropee dei turisti erano malinconicamente ancorati alle banchine; infine a Baja poco prima che il grande fiume pieghi verso i pianori di Croazia e Serbia per trascinarsi la memoria recente degli orrori della guerra civile.
Fiume, terre e genti: attorno al Danubio rifiorisce un’Europa antica che emerge dalle nebbie della cortina di ferro e dal congelatore del comunismo: mezzo secolo che ha spezzato in due le vicende di terre unite da un fiume che sa di Mitteleuropa e Balcani, di Transilvania e Valacchia, Pannonia e Slavonia e attorno al quale si stringono aree e territori che fanno a gara per associarsi alle sue acque colme di storia.
Non a caso si parla di Europa alpino-danubiana per segnalarne le origini bavaresi e gli interessi politici di Austria e Germania; di Europa adriatico-danubiana per rimarcarne i caratteri mediterranei che coinvolgono anche l’Italia con la sua dorsale orientale simboleggiata dal mito di Venezia; infine di Europa balcanico-danubiana per allargare lo sguardo a tutto lo scacchiere sud-orientale del Vecchio Continente. Tre soggetti geografici, un solo aggettivo che rimanda al grande padre d’Europa: il Danubio. Lungo le sue rive si giocano oggi i destini dell’Europa. E anche dell’Italia, che nelle terre abitate dai “vicini ritrovati” cerca la sua missione del ventunesimo secolo: convincere l’intera Unione che o l’Europa si realizza colmando tutti gli spazi vuoti al suo interno, o non sarà Europa.

domenica, ottobre 10, 2004

GeoPolitica - Australia

Come per le elezioni in Slovenia, anche dell'Australia s'è parlato poco o niente. Come in Slovenia, anche in Australia hanno vinto i conservatori. Ma le analogie finiscono qui. L'Australia è un paese leader che estende la propria influenza nella decisiva regione dell'Asia sud-orientale. Partecipa attivamente alla guerra al terrorismo al fianco di Stati Uniti, Gran Bretagna, Italia e Polonia. Il suo leader, John Howard, ha conquistato il quarto mandato consecutivo (niente male per un paese di tradizione anglosassone, abituato all'alternanza). E soprattutto ha battuto il suo avversario laburista in una campagna elettorale tutta incentrata sulla guerra in Iraq. Almeno quattro buoni motivi per ignorare o ridimensionare la notizia. Vediamo di rimediare un po': da The Australian un'analisi e il discorso completo del premier; un commento dal Sydney Morning Herald; lo speciale del quotidiano di Camberra The Age; una disamina del ruolo internazionale dell'Australia da Emporion. Qui il "lungo" servizio del Corriere della Sera. Questo è invece lo spazio dedicato da Repubblica.

Pietroburgo, una città fondata sugli scheletri

"Era Pietroburgo, la guerra l'aveva fatta Pietrogrado, la rivoluzione la fece Leningrado (...) Pietrogrado non era nata, era stata creata. La volontà di un uomo l'aveva fatta sorgere dove gli uomini non avrebbero scelto di vivere. Un imperatore inesorabile impose la creazione della città e il luogo dove essa doveva sorgere. Gli uomini portarono la terra per riempire un pantano ove non si muovevano che zanzare. E come le zanzare gli uomini morirono e caddero nella mota brulicante. Nessuna mano volenterosa concorse a costruire la nuova capitale: essa sorse dal lavoro dei soldati, di migliaia di soldati, di reggimenti che ricevevano ordini e non potevano rifiutarsi di affrontare un nemico mortale: fucile o palude. Essi caddero e la terra che avevano portata formò con le loro stesse ossa il suolo della città. Pietrogrado, dicono i suoi abitanti, poggia sugli scheletri".
Ayn Rand, Noi vivi, 1942

Usa: Chirac? Una catastrofe

Se Chirac considera catastrofica l'influenza della cultura americana nel mondo, gli Stati Uniti considerano catastrofica la politica di Chirac verso l'America.

GeoPolitica - Afghanistan

Nella terra che covava i terroristi di Osama bin Laden, nella terra dove si sparava alla tempia una donna infedele, nella terra in cui la musica era stata bandita, adesso si vota. Dal sito Institute for War and Peace, organizzazione giornalistica indipendente no-profit, un approfondito dossier. Una panoramica sulla giornata del voto dal blog di Robert Tagorda. E anche il blog collettivo dei corrispondenti della BBC racconta l'atmosfera di entusiasmo in un giorno storico per il paese: "People have been streaming back home from what many here describe as one of Afghanistan's most remarkable and historic days ever. But what has been most remarkable is the large scale participation of women".

sabato, ottobre 09, 2004

Americani ed europei

“All’alba del XXI secolo, gli elementi che allontanano gli Stati Uniti dall’Europa occidentale sono più o meno tanti quanti quelli che – sia pur fra mille difficoltà – fanno sì che rimangano alleati. Sotto il profilo pratico, il nuovo mondo (o Terra del Tramonto) vive un’esistenza né più né meno secolare di quella che si vive nella maggior parte dell’Europa; gli americani, però, tendono a separare la loro vita interiore da quella esteriore. Molti di loro parlano con Gesù, e la loro testimonianza di questi dialoghi interiori può risultare persuasiva, almeno dal loro punto di vista. La religione è per loro la poesia dei popoli, non certo il loro oppio: ed è questo il motivo per cui rigettano quel che conoscono di Marx, Darwin e Freud. Tuttavia, anche costoro possono provare la sete di una sapienza umana che vada a integrare i loro incontri con il divino”.
Harold Bloom, La saggezza dei libri, 2004

Il Male Necessario/4

BERLINO EST, 1953. "Mercoledì 17 giugno dell'anno 1953, pioveva. Amalia stava camminando da più di tre ore. Ogni tanto cercava un riparo per la pioggia che a tratti cadeva con più violenza. Entrava e usciva dagli sguarniti negozi di Berlino Est (...) Si udì un vocio lontano indistinto. Amalia si fermò per sentire meglio, sembrava la folla di uno stadio. Poi il rumore si sentì più chiaro. Quando Amalia e Conrad girarono l'angolo, si presentò ai loro occhi uno spettacolo mai visto. Oltre centomila operai urlavano all'indirizzo di poche migliaia di vopos: abbasso la schiavitù, abbasso la dittatura, urlavano (...) Ad un tratto, si fece un silenzio generale. Tutti si fermarono, rimasero in ascolto. La terra tremava. Non era il terremoto poiché il movimento sussultorio era uniforme (...) Ecco che spuntò un grosso carro armato sovietico. Poi un altro e un altro ancora e avevano grosse torrette d'acciaio con la stella rossa (...) Quel mercoledì 17 giugno 1953 le mitraglie dei carri armati russi cominciarono a crepitare sulla folla inerme. Su quei lavoratori che avevano voluto il comunismo (...) Ora nella piazza erano rimaste soltanto le persone a terra: alcuni morti, altri feriti, altri ancora si rotolavano agonizzanti sull'asfalto in un bagno di sangue".
Enrico Zuccarini, La porta di Brandeburgo, 1967

Libri antichi di viaggio

Libreria antiquaria Mirabella (Italia), Marijana Dworski Book (Galles), Biblioteca del Viaggiatore (Italia), Helen R. Kahn (Canada), Librairie Ancienne Comellas (Francia),

Viaggi letterari

“Per scegliere cosa continuare a leggere e insegnare, mi attengo soltanto a tre criteri: lo splendore estetico, il vigore intellettuale e la saggezza. Le pressioni della società e le mode giornalistiche possono anche oscurare, per un certo tempo, questi criteri; ma, appunto, si tratta sempre di periodi limitati, e alla fine le opere che non riescono a trascendere il loro particolare contesto storico sono destinate a non sopravvivere. La mente finisce sempre per tornare al suo bisogno di bellezza, di verità, di comprensione. La nostra condizione di mortali incombe sempre su di noi, e ognuno ha modo di rendersi conto del trionfo del tempo”.
Harold Bloom, La saggezza dei libri, 2004

Chirac, fiato alle trombe

Non c'è pace per il presidente francese Jacques Chirac. L'ossessione anti-americana (di cui parla l'intellettuale Jean-François Revel in un libro tradotto in Italia da Lindau e che sarà presentato a Roma presso la Fondazione Ideazione lunedì 8 novembre) ha paventato "una catastrofe" per le diversità globali, qualora l'egemonia culturale americana non venisse contrastata. Lo ha dichiarato nel corso di un viaggio ufficiale ad Hanoi, parlando al centro culturale francese, aprendo i lavori di un summit che raduna leader di paesi europei e asiatici. "Avverto - ha detto Chirac - che le differenti culture del mondo possono essere soffocate dai valori americani. Questo condurrebbe a una generale sottocultura mondiale basata sulla lingua inglese e rappresenterebbe una vera catastrofe ecologica". Fiato alle trombe. Perché sul piano concreto la cultura francese è in declino, è autoreferenziale e non saranno le parole in libertà a rianimarla. Inoltre i centri linguistici francesi continuano a svuotarsi, al contrario di quelli inglesi. C'est la vie.

venerdì, ottobre 08, 2004

Viaggio ad Istanbul

Sono stato ad Istanbul poco più di un anno fa. Ne ho ricavato un reportage per la rivista Ideazione. Ecco l'inizio:
"Se non è un sogno da mille e una notte, poco ci manca. Vista dall’aereo che precipita nella notte stellata verso la pista dell’aeroporto Atatürk, Istanbul sembra una donna adagiata sulla riva del mare, con il vestito luccicante di strass, sensuale e viva come ce l’hanno raccontata per secoli i viaggiatori europei a caccia di emozioni esotiche. Dopo la lunga teoria di villaggetti appollaiati lungo la costa della Tracia, quasi all’improvviso, appare dall’eterna foschia del Bosforo l’immensa distesa di luci della seconda Roma..."
Questo è il link per leggere l'intero servizio.

Il dossier turco

Sulla Turchia nell’Unione Europea, Emporion (rivista online di geoeconomia, della quale parleremo più diffusamente tra un po’) ha pubblicato uno speciale un paio di anni fa. Un bel numero, ancora oggi di grande attualità.

Mamma li turchi?

Il vociare caotico del bazar e il silenzio composto della moschea. Le languide notti sulla riva del Bosforo e la febbrile laboriosità del distretto commerciale. Queste sono le facce di Istanbul. E queste sono le facce di una parte della Turchia, quella europea. Il resto è un paese sconfinato, arretrato, suggestivo, curioso. Aggrappato al costone asiatico, eppure desideroso di entrare nell’Unione Europea. Chi ha viaggiato in Turchia ha quasi sempre riportato impressioni assai positive, specie se raffrontate con i pregiudizi prima di partire. In questi giorni l’Europa ha dovuto sciogliere il nodo dell’ingresso della Turchia nella Ue. Come spesso le accade in questi ultimi anni, Bruxelles non decide: dilaziona. Nel frattempo il dibattito sulla “Turchia europea” s’infiamma. Due opinioni a confronto: Vittorio Emanuele Parsi su Avvenire e Gaetano Quagliariello sul Messaggero.

Perché il tormentone "Il Male Necessario"

La rubrica “Il Male Necessario”, che riporta estratti di memorie, testimonianze, racconti, studi sul comunismo (e che proseguirà a lungo su questo blog), deve la propria origine alle anticipazioni giornalistiche sul nuovo libro di Papa Woytila. Il Pontefice avrebbe giudicato il comunismo “un male necessario”. Alcuni organi di stampa si spingono fino a sostenere che il Papa, al termine della propria lunga e appassionata esistenza, abbia voluto consegnare alla storia un giudizio meno drastico sul comunismo. Io, che ho viaggiato a lungo nei paesi dell’Europa orientale, durante e dopo l’epoca del socialismo reale, e anche nei luoghi d’origine di Papa Wojtyla, credo che il comunismo sia stato un male. Ma non necessario. Ne avrebbero fatto a meno volentieri i milioni di uomini e donne che hanno sperimentato questa tragedia. E ne farebbero ancor più volentieri a meno quei milioni di uomini e donne sparsi per il mondo che quella tragedia la subiscono ancora.

Consigli per i visti - E' il caso di evitare il Mar Rosso

Breaking News: Jerusalem Post, Fox News, Corriere della Sera.

Il Male Necessario/3

SESSO DROGA E CUBA LIBRE. "Ignorato, Fidel può continuare a proclamare socialismo o muerte, che non è più uno slogan di guerra da quando è sicuro che nessuno lo attaccherà con le armi e che la morte sul campo di battaglia è un vuoto slogan del passato. Castro è una curiosa icona di religione popolare in tempi di illusionismo agnostico: un nome e una barba, e un vecchio grasso signore vivo che si appoggia alla barba e alla zazzera di un giovine signore morto da tanto tempo o vivo solamente nel bric-abarac di un folklore da antiquariato e in un musical inglese a far da spalla al fantasma smagrito di Evita Peron. Un'agonia politica che si va accelerando ma non si risolve, perché è legata, incatenata alla resistenza fisica di un organismo".
Alberto Pasolini Zanelli, Fidel Castro: le miserie dell'ultimo irriducibile, in Ideazione 6/1999

Il Male Necessario/2

LA STUPIDITA' DELL'OCCIDENTE. "L'esperienza ha insegnato all'intellettuale dell'Est a calcolare accuratamente ogni mossa vitale. Troppi ne ha visti cadere nell'abisso a causa di un solo passo falso, di un unico articolo troppo impulsivo. Se l'impero dovesse un giorno crollare, nel caos che ne seguirà sarà possibile cercare nuovi modi di sopravvivenza e di azione. Ma finché questo non avviene, bisogna lavorare con zelo per la vittoria dell'impero, pur continuando a coltivare dentro di sé la speranza che la stupidità dell'Occidente non sia poi così sconfinata come si suppone. Se gli occidentali capissero davvero il meccanismo della grande epoca staliniana e agissero di conseguenza! Tutto lascia credere che non capiscano. Ma chissà, forse capiranno".
Czeslaw Milosz, La mente prigioniera, 1953

Il Male Necessario/1

IL CAPPELLO DI CLEMENTIS. "Nel febbraio 1948 il dirigente comunista Klement Gottwald si affacciò al balcone di un palazzo barocco di Praga per parlare alle centinaia di cittadini che gremivano la piazza della Città Vecchia. Fu un momento storico per la Boemia. Un momento fatidico, come ce ne sono uno o due in un millennio. Gottwald era circondato dai suoi compagni e proprio accanto a lui c'era Clementis. Cadeva la neve, faceva freddo e Gottwald era a capo scoperto. Clementis, premuroso, si tolse il berretto di pelliccia e lo mise sulla testa di Gottwald. La sezione propaganda diffuse in centinaia di migliaia di copie la fotografia del balcone da cui Gottwald, con il berretto di pelliccia in testa e i compagni al suo fianco, parlava al popolo. Su quel balcone cominciò la storia della Cecoslovacchia comunista. Sui manifesti, nei libri di scuola e nei musei, ogni bambino conobbe quella foto. Quattro anni dopo Clementis fu accusato di tradimento e impiccato. La sezione propaganda lo cancellò immediatamente dalla storia e, naturalmente, anche da tutte le fotografie. Da allora Gottwald su quel balcone è solo. Là dove c'era Clementis ora c'è il muro vuoto del palazzo. Di Clementis è rimasto unicamente il berretto sulla testa di Gottwald".
Milan Kundera, Il libro del riso e dell'oblio, 1978

giovedì, ottobre 07, 2004

Trieste-Lubiana: 1 ora in auto, 3 ore in treno

Lubiana è una delle più belle e meno conosciute capitali della Nuova Europa. Un piccolo gioello. In auto è anche molto semplice raggiungerla dall'Italia. Si parte da Trieste, ci si arrampica per le alture alle spalle della città, si attraversa il valico di frontiera con estrema facilità (controlli ridotti al minimo) e si percorre la nuova e veloce autostrada. Un'ora di viaggio e la bianca capitale slovena appare all'orizzonte. Tutt'altro discorso se si sceglie il treno: sembrerà impossibile, ma i traballanti vagoni delle ferrovie slovene impiegano ben tre ore a percorrere lo stesso tragitto. Che misura 120 km. Da tempo si parla del progetto del Corridoio 5 (qui e qui per sapere di cosa si tratta) ma, per esperienza diretta, non vi fidate: non mi è mai capitato di vedere un tratto interessato da questi progetti di corridoi europei che non fosse ancora allo stato brado. Passato, presente e futuro del sistema ferroviario sloveno in questo articolo della Fondazione Nord-Est. Dal quale apprendiamo che, grazie ad un recente collegamento che taglia Trieste, si raggiunge Lubiana da Venezia in sole 4 ore. Distanza: 245 km. Fatti due conti, forse conviene.

Slovenia: molto pittoresco

“Il percorso ferroviario più pittoresco della Slovenia è il collegamento tra Jesenice e Nova Gorica, via Bled, Bohinjska Bistrica, e Most na Soci. La linea ferroviaria, che si snoda per 89 km attraverso le Alpi Giulie e la vallata del fiume Soca (Isonzo), è stata inaugurata nel 1906. Andando in direzione sud, sedetevi sul lato destro del treno per poter contemplare le incredibili acque blu cobalto del fiume. Circa una dozzina di treni regionali al giorno coprono il percorso in entrambe le direzioni e il tragitto dura più o meno un paio d’ore”.
Lonely Planet, Slovenia (2 edizione), 1998

mercoledì, ottobre 06, 2004

GeoPolitica - Slovenia, vince il centrodestra

In Slovenia, cioè qui di fianco, il centrodestra ha vinto le elezioni, mandando dopo più di dieci anni il centrosinistra all'opposizione. Ma in Italia non se n'è accorto quasi nessuno.

L'incontro delle civiltà

Un americano su quattro ha pregiudizi verso gli islamici. Lo afferma lo Spiegel on line, edizione internettiana del serioso settimanale tedesco. Secondo i cittadini Usa, dagli islamici arriva solo odio e violenza e il loro obiettivo è sovvertire l'american way of life. Razzisti, chiosa lo Spiegel. Che però non deve aver dato un'occhiata anche a questi dati (fonte Frankfurter Allgemeine Zeitung). Traduzione per chi non ha dimestichezza col tedesco: alla domanda* "quando sentite la parola Islam a cosa pensate?", il 93% dei tedeschi ha risposto "all'oppressione delle donne", l'83% "al terrore", l'82% "al fanatismo radicale", 70% "al pericolo", 66% "al sottosviluppo". Carini, no?
* erano possibili risposte multiple

Dal nostro inviato speciale

Non sono tutti come Lilli Gruber. Nei deserti iracheni c'è anche un giornalista capace, che non prevede di sfruttare la notorietà televisiva per candidarsi alle prossime elezioni. E' Tony Capuozzo del Tg5. Walking class, che dell'Iraq vuol capirci qualcosa, lo elegge ufficialmente a proprio inviato speciale. Questa è una sua corrispondenza (via Dagospia).

Foto d'autore

Splendido sito fotografico, nel quale l’olandese Alex Sievers presenta parte del materiale raccolto in giro per il mondo. Vale davvero la pena farci una visita e perdersi nelle innumerevoli gallerie tematiche che offre agli utenti. Nella homepage, Alex Sievers si descrive così: “I was born in 1961 in the Netherlands, the country where I still live. I live in the centre of our small country, what makes travelling within the country quite easy. My interest in photography was born during my architectural study. Photography in those early years was just a tool to analyse creations by others, usually buildings and details of buildings. But soon the photos, the actual lesson material, attracted me as much as the building itself (…) I found (and still find) myself lucky to travel on our planet. Always carrying my camera with me. And a tripod and sturdy shoes (…)Since 1997 I run this internet homepage - and it takes a lot of time”.

martedì, ottobre 05, 2004

Rule Ireland

“Il potere degli irlandesi sui britanni era grande, ed essi si erano spartiti tra loro la Britannia in due regioni e gli irlandesi vivevano tanto ad est del mare quanto a ovest, e là erano costruite le loro dimore e fortezze reali. Qui si trova il Dirid Tradui cioè il triplo bastione di Crimthann, re d’Irlanda e di Britannia, fino al Canale della Manica. Da questa spartizione ebbe origine il forte dei figli di Liathan nelle terre dei britanni di Cornovaglia. Ed essi mantennero quel controllo per lungo tempo, persino dopo la venuta di San Patrizio”.
D. O Corrain, in R. Forster, The Oxford History of Ireland, 1989

Derry o Londonderry?

Quello spicchio nel Nord-Est d'Irlanda, che è parte integrante della Gran Bretagna, ha attirato nel corso del ventesimo secolo pochi visitatori e molti reporter. Soprattutto reporter di guerra che hanno raccontato il conflitto sanguinoso tra cattolici e unionisti. Oggi la situazione è assai più tranquilla e progressi sono stati compiuti negli anni più recenti. Eppure non è difficile rintracciare angoli e atmosfere dei tempi dei troubles. Ecco un estratto di un reportage dall'Irlanda del Nord scritto nel 2001.

"Per trovare tracce del fuoco che ancora cova sotto la cenere, bisogna entrare nei bassi cattolici di Londonderry, dove i murales raccontano storie di dolore e di tragedia, lacrime e sangue, martiri ed eroi. Welcome to free Derry, è dipinto su un muro all’ingresso del quartiere e tutt’intorno sventolano le bandiere verde-bianco-arancio della Repubblica. Si entra nel ghetto, non appena lasciata alle spalle la collina del centro antico, aristocratico borgo lindo e ordinato, dall’atmosfera very british, compresa la grande caserma in cima al colle ancora circondata da robusti presidi spinati. Lassù il mondo dorato degli "inglesi", qui giù il sobborgo sgarrupato degli irlandesi, grigio e triste, con le case basse e i giardinetti ampi come francobolli, le inferriate alle finestre, i cortili abbandonati dentro i quali si accumula l’immondizia".
Qui il link al reportage in versione integrale.

Go Ireland

It's a long way to Tipperary,
It's a long way to go,
It's a long way to Tipperary,
To the sweetest girl I know,
Goodbye, Piccadilly, Farewell, Leicester Square,
It's a long way to Tipperary,
But my heart's right there.
Scarica l'mp3

Il miglior sito cittadino d'Europa

Weimar, Germania

lunedì, ottobre 04, 2004

Emma, don Benzi e i valori dell'Occidente

Le Iene, trasmissione di questa sera. Di fronte don Benzi ed Emma Bonino. Si parte dal referendum sulla fecondazione assistita e poi si spazia su libertà, Occidente, diritti civili, religione, capitalismo, consumismo e rapporti con l'Islam. L'autore di questo blog non ha ancora deciso come voterà al referendum, però, per questa sera, W Emma Bonino!

Il Panorama di Tallin

Nelle edicole di Berlino, dove arriva la stampa italiana, il posto dell'Espresso e di Panorama è accanto a riviste del calibro di Hello, Paris Match (che però ha un sito straordinario), Hola e Playboy. L'imbarazzo è grande, quando mi avvicino furtivo al chiosco e, cercando un settimanale di informazione italiano, invece di dirigermi verso il serissimo settore che ospita Der Spiegel, Focus o The Economist, devo piegare verso la zona dei super-popolari o dei soft-porno. Almeno comprassi Le ore! E invece, con l'aria del represso sessuale, piego la copia dell'Espresso o di Panorama con le solite tettone in copertina e mi avvio verso la cassa, sperando di passare inosservato. Cosa che non riesce quasi mai: il solito italiano perverso! Pregiudizi teutonici? Mica tanto. Leggete il reportage di Panorama di questa settimana. Dico: uno manda un inviato a Tallin, e con tutte le cose che ci sono da raccontare, si sprecano pagine e rimborsi spese per descrivere l'ennesima puntata del vitellone nazionale sfigato e illuso dal facile amore? Ma allora, bastava passare un sabato sera nelle discoteche di Ostia.

Viaggio in Persia (1471)

"Tutta questa provincia della Persia fino a qui, per la via che noi abbiamo cavalcata, è paese deserto, cenericcio, cretoso, scoglioso e petroso e di poche acque: e di qui viene che dove si trovano acque sono qualche ville, in gran parte però distrutte, ciascuna delle quali ha un castello fatto di terreno. Le sementi, le vigne e i frutti sono fatti per forza di acque, in modo che dove non si hanno acque male vi si può abitare; sogliono menarle per sotto terra quattro e cinque giornate lontano dalli fiumi, d'onde le tolgono e le menano in questo modo. Vanno al fiume e fanno appresso una fossa simile a un pozzo, poi vanno cavando al dritto verso il luogo dove la vogliono condurre, con la ragion del livello, sí che abbia a descendere un canaletto il qual sia piú profondo che non è il fondo della fossa detta di sopra, e quando hanno cavato circa 20 passa di questo canaletto fanno un'altra fossa simile alla prima, e cosí di fossa in fossa menano per quei canali l'acqua dove che vogliono, over fanno (per dir meglio) l'alveo e acquedutto per il quale si possa menare. Quando hanno fornito quest'opera, aprono il capo della cava verso il fiume e le danno l'acqua, la quale per quei loro acquedutti conducono nella terra e dove vogliono, menandola per le radici dei monti e togliendola alta nel fiume, imperochè, se non facessero in cotal modo, non ci potriano stare, attendendo che quivi rare volte piove".
Iosafa Barbaro, Viaggio di messer Iosafa Barbaro gentiluomo veneziano nella Persia, 1471

Reise nach Persien (1938)

"Aber so sonderbar es sich anhört: Wir scheuen uns, die Dinge beim Namen zu nennen. Oft sprechen wir über Persien, es lohnt sich gewiss, sich über seine vielen Herrlichkeiten und Merkwürdigkeiten zu unerhalten. Aber wenn jemand Heimweh hat, spricht er nicht darüber - und das ist doch nur die erste Stufe des Leidens. Wenn ich zu Hause wäre, an irgendeinem freundlichen europäischen Ufer, würde ich sicher an die Möglichkeit eines klärenden Gesprächs glauben - die Ärzte versprechen sich ja so viel davon - aber hier glaubt man an gar nichts. Die Engel sind zu stark, und sie gehen auf unverletzten Füssen; die Menschen aber wollen einander nicht in Anspruch nehmen; man weiss ja nicht so genau, wo der andere verwundbar ist, vielleicht an der gleichen Stelle? Und so breitet sich das Schweigen aus. Man nennt es: hart werden...".
Annemarie Schwarzenbach, Tod in Persien, 1938

Bush, Kerry e la realpolitik iraniana

Le elezioni americane del prossimo novembre saranno decisive per i futuri scenari internazionali. Bush e Kerry hanno disputato il loro primo faccia a faccia. Da un punto di vista stilistico, ha prevalso Kerry. Sulla sostanza no, come dimostrano queste due notizie che arrivano da un posto caldo del globo come l'Iran. Il cui governo ha detto picche alla proposta di Kerry di fornire combustibile Usa in cambio della rinuncia al programma nucleare e ha accettato di partecipare alla Conferenza sull'Iraq voluta da Bush. Nel frattempo, a Teheran, le notti giovanili restano agitate.

domenica, ottobre 03, 2004

In Cina, in Cina/3

"Se vuole capire la Cina, caro Snow - mi diceva un minuscolo sinologo calvo col naso adunco che si chiamava L. C. Arlington, puntando per terra un indice che aveva una falange di meno - deve star dritto sulla testa, e pensare alla rovescia. Prima cosa da fare, impadronirsi della lingua, che è già una bella acrobazia".
Edgar Snow, Journey to the Beginning, Random House, New York, 1958

In Cina, in Cina/2

Alla fine se ne sono accorti pure i big (come vendite) della stampa italiana, Corriere della Sera, Reppubblica e Sole 24 Ore: la Cina sta crescendo e forse è il caso di mandarci un corrispondente. Strada aperta (si fa per dire) dal quotidiano finanziario, che a maggio ha inaugurato la sede di Pechino con Luigi Vinciguerra. La Repubblica ha da poco spedito Federico Rampini, provenienza San Francisco. Come abbia fatto a spiegarci gli Stati Uniti da San Francisco resta un mistero, come se uno raccontasse l’Europa da Reykjavik. Comunque Rampini comincia male. Ecco cosa scrive sul suo blog: “La Repubblica è del governo italiano, vero? mi chiede l'agente immobiliare Liliana Xu che mi ha trovato casa a Pechino. Quando le spiego che non solo non appartiene al governo, ma di questi tempi in Italia è considerata semmai un giornale d'opposizione, leggo la delusione sul suo viso. Credeva di avere a che fare con una sorta di alto dignitario italiano all'estero, un semi-ambasciatore insomma, non con uno sfigato di dissidente”. Allora, uno gli regala un “click” per capire qualcosa della Cina e si deve sorbire snobismi italiani radical-chic.Per il Corriere della Sera, invece, si tratta di un ritorno in una sede prestigiosa come Pechino. Il quotidiano milanese punta su Fabio Cavalera. Questa è la sua prima corrispondenza.

In Cina, in Cina/1

Chi non ha visto il Tg5 di sabato sera, s’è perso il bel servizio sulla Cina di Marco Ferrante. Equilibrato, essenziale, finanche approfondito per quanto i tempi televisivi possono permettere. Marco Ferrante è un giornalista che sparge il proprio (pigro) talento su diversi fronti. Autore di un bel romanzo d’esordio per Fazi (ma è rimasto l’unico), scrive servizi d’economia per il Tg5, inappuntabili ritratti di personaggi famosi sul Foglio (qui, in pdf, quello sul ministro Siniscalco 1parte e 2parte), inchieste per Ideazione. La Cina è una sua recente passione. L’ha visitata e ne è rimasto profondamente colpito: il servizio sul Tg5 ne è una testimonianza. Per Ideazione ha scritto un reportage dal Nord-Est, l’area del miracolo economico italiano che qualche problema con la Cina ce l'ha.

sabato, ottobre 02, 2004

S'è svegliato l'Islam moderato?

Anche se di due giorni fa, voglio segnalare l'articolo sull'Islam moderato di Magdi Allam, il più lucido (e coraggioso) commentatore di politica mediorientale.

King Arthur ad Atene

Greek breakfast, questa mattina. Yogurt dall'Epiro e un cucchiaio di miele, mecolare con energia immaginando di vedere dalla finestra i piroscafi del Pireo dondolare nel porto. Chi vuol cedere alla tentazione può aiutarsi con questa sofisticata ricetta americana (anche gli zii d'America greci amano strafare). Chi ha stomaco forte, azzardi olive a colazione. Se davvero vi trovate ad Atene, non avete che l'imbarazzo della scelta. Ma se volete stupire tutti, unitevi a questo gruppo di mattoidi inglesi della Taunton School, nel Somerset. La sveglia mattutina può essere bilanciata da un'affascinante visita nelle terre di King Arthur. In attesa del film.

Voting in USA

Un blog elettorale che segue giorno per giorno la più affascinante competizione democratica del mondo.

La Germania che non c'è (più)

A proposito di Germania, un severo reportage su

Roma, Germania 2004. Il Goethe in tono minore

Anniversario in tono minore, quello di quest'anno, per la riunificazione della Germania. Eppure si festeggia il quindicesimo anno dal fatidico 1989, quasi una cifra tonda. Festa al Goethe Institut di Roma all'insegna della Ostalgie, la nostalgia del bel tempo andato dell'Est, quando il Muro era ancora integro e da quella parte se la spassavano tra Stasi e Politburo. Per chi crede che Good bye Lenin non sia una manipolazione postuma dell'intellighenzia socialista tedesca ma il racconto onesto della dolce vita all'ombra di Honecker. Aridatece Helmut Kohl!

Tallin, Estonia 1996

Sono entrate a vele spiegate nell'Unione Europea, le tre Repubbliche Baltiche, sull'onda di un miracolo economico che le ha proiettate lontano dalle miserie del comunismo sovietico. Per questo primo post recupero una fotografia di Tallin del 1996: otto anni fa, nel pieno di una transizione difficile, l'immagine di una società stretta fra grandi contraddizioni.
"Se hai ancora un quarto d'ora di pazienza, vedrai l'altra faccia della transizione in Estonia", consiglia Arvo Vannaakesa, 28 anni, tour operator della Eesti-travel, seduto a un tavolino all'aperto nella centralissima piazza Raekoia di Tallin. Arvo è uno dei giovani yuppies rivitalizzato dalla ventata neoliberista che da qualche tempo soffia nelle tre Repubbliche baltiche. Telefonino alla mano, dirige un gruppo di sei collaboratori, giovani quanto lui, dediti allo sviluppo del turismo nella capitale estone. Ufficio con moquette al terzo piano di uno splendido palazzo gotico sulla via più elegante della città, dove i computer ronzano instancabili, le stampanti vomitano decine di prenotazioni al giorno e i telefoni trillano senza sosta. Il suo ufficio sembra lo scenario di un film americano su Wall Street, tavoli bianchi, mensole hi-tech, poster alla moda e grandi orologi appesi ai muri. Il suo portafoglio gli permette di stare seduto a un tavolino degli sciccosissimi kiosk in piazza Reakoja come un ricco turista occidentale, uno di quelli che Arvo indirizza ogni giorno negli alberghi della sua Estonia.
Manca un quarto alle sei, un pomeriggio di agosto sorprendentemente mite, mentre la piazza della città vecchia di Tallin lentamente si spopola: si avvicina l'ora della cena. Pazientiamo un quarto d'ora, sorseggiando una Laavi Kulta, birra d'importazione finlandese, costosissima per le tasche di un cittadino medio di qui. D'improvviso, mentre in lontananza risuonano i diciotto tocchi di una campana, nella piazza cala una strana genìa di baltici. Uno, cinque, dieci barboni sbucano dagli angoli della piazza, come richiamati da un piffero magico e cominciano a rovistare con metodo scientifico i bidoni di spazzatura dei caffè. Avanzi di spiedini, bottigliette di Coca Cola semi piene, resti di insalate e tozzi di pane ormai raffermi finiscono nei capienti fagotti che affossano le spalle di questi disperati della terra. Come zombie appena risorti da spaventose oscurità, i clochards si tuffano in silenzio in questi contenitori dell'effimero benessere estone, quasi si confondono, sudici e laceri, con i rifiuti che annusano.
Ecco un link per addentrarsi nella Tallin di oggi.

Un taccuino oltre i luoghi comuni

Una nuova classe s'avanza, con la certezza di aver miglior sorte di quella operaia, il cui dominio doveva cambiare i destini dell'umanità e invece produsse miseria e tirannia. E' la walking class, una moderna genìa di viaggiatori e una nuova generazione di reporter. Questo blog non è un diario di viaggio, semmai un taccuino sempre aperto, una finestra sui cambiamenti del mondo. Uno sguardo curioso, oltre guide turistiche e depliant. Al di là dei reportage preconfezionati secondo il senso comune, che non sempre è buon senso. Per strappare il velo del conformismo da letture banali e sbiadite della realtà odierna. Walking class è il luogo itinerante di chi non vuol star fermo. Soprattutto con la mente. Seguitemi e ne vedrete delle belle.